Vita Chiesa
stampa

NATALE ORTODOSSO: IL MESSAGGIO DI AUGURIO DI MONS. PAGLIA (CEI) AGLI ORTODOSSI ITALIANI

Parole chiave: natale (113), ortodossi (160), ecumenismo (362)

“Un augurio fraterno ai fratelli ortodossi che vivono in Italia e che oggi festeggiano il Santo Natale”. A lanciarlo tramite il Sir, è mons. Vincenzo Paglia, presidente della Commissione Episcopale per l'ecumenismo e il dialogo della Cei a tutti gli ortodossi che oggi, 7 gennaio, celebrano il Natale, secondo il calendario giuliano, con uno scarto di 13 giorni rispetto al Natale celebrato dalle Chiese che seguono invece il calendario gregoriano. “Vorrei esprimere in questo giorno – scrive mons. Paglia nel suo messaggio di auguri - la mia vicinanza ai Vescovi, ai Monaci, ai Preti e ai Diaconi, e a tutti i fedeli delle Chiese Ortodosse. Nasce nella debolezza Colui che (come leggiamo nella lettera agli Ebrei) tutto sostiene con la Sua Parola e il mondo, pur travagliato da tanti dolori e afflitto dalla violenza della guerra, che sfigura il Creato, è illuminato dalla luce dell'Emmanuele, che vuol dire Dio con noi. Che il Signore Gesù, che si mostra al mondo, sia con voi!”. “In particolare – prosegue mons. Paglia - rivolgo un pensiero alle donne e agli uomini che festeggiano questo tempo lontani dalla loro terra, spesso anche dalla loro famiglia, trovandosi nel nostro Paese per lavorare: la luce del Natale illumini e sostenga anche la vostra speranza e il vostro impegno per un futuro migliore. L'augurio, in questa festa grande che tutti ci unisce, è dunque quello di un Natale di pace e di un nuovo anno ricco di frutti spirituali”. Secondo l'ultimo Rapporto Caritas/Migrantes, con l'immigrazione dall'Est Europa si è radicata in Italia una presenza di tipo nuovo, costituita da ortodossi testimoni di un'eredità cristiana che ha resistito a decenni di ateismo di Stato. Nel 2006 gli ortodossi (918.000) hanno superato di più di 100.000 unità i cattolici e distano meno di 300.000 unità dai musulmani: tra gli studenti si riscontra in misura crescente la loro presenza e questa confessione religiosa è prima in assoluto nelle scuole di alcune regioni (Lazio, Abruzzo e Campania). Più di quattro romeni su cinque sono ortodossi, mentre il 5% è cattolico. “Nel contesto occidentale – si legge nel Rapporto - la presenza ortodossa aiuta a riscoprire la virtù del silenzio e della bellezza del canto liturgico, come anche la fraternità dell'incontro dopo il servizio religioso”.
Sir

NATALE ORTODOSSO: IL MESSAGGIO DI AUGURIO DI MONS. PAGLIA (CEI) AGLI ORTODOSSI ITALIANI
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento