Vita Chiesa
stampa

PACEM IN TERRIS, MONS. CAPOVILLA E MONS. CREPALDI: NON SI PUÒ FARE I FURBI CON LA GUERRA

Un invito "all'umanità nel suo insieme" a riconsiderare la proposta della non violenza e creare, a livello internazionale, "un sistema articolato di autorità non autoritarie" che contribuisca a riportare nel mondo la pace. Questo il pensiero di mons. Loris Capovilla, già segretario di Giovanni XXIII e di mons. Giampaolo Crepaldi, segretario del Pontificio Consiglio Giustizia e pace, che interverranno domani a Bergamo al convegno organizzato dalla Caritas italiana su l'enciclica di Giovanni XXIII "Pacem in terris: impegno permanente. Le comunità cristiane protagoniste di segni e gesti di pace". L'enciclica "Pacem in terris" – ricorda mons. Capovilla anticipando al Sir alcuni contenuti – "fu il dono di Pasqua" che Papa Giovanni fece ai fedeli nel 1963. "Voler fare i furbi con la guerra, abbandonare agli specialisti esitanti o rischiosi della politica i problemi che essa pone, erigere tra il popolo e la sfera dei responsabili una barriera di paura, di timidezza e di disimpegno - aggiunge -, equivarrebbe a dare le dimissioni dalla vocazione cristiana". Mons. Crepaldi, da parte sua, propone di creare, a livello internazionale, "un sistema di autorità diffuso, articolato e partecipato" con "i diversi livelli di autorità – locale, regionale, statale, continentale e mondiale, che si aiutano reciprocamente ad assolvere il loro compito senza sovrapposizioni che indeboliscono anziché rafforzare l'autorità".
Sir

PACEM IN TERRIS, MONS. CAPOVILLA E MONS. CREPALDI: NON SI PUÒ FARE I FURBI CON LA GUERRA
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento