Vita Chiesa
stampa

Papa: Angelus; minori sfruttati su lavoro è realtà drammatica

“Impegniamoci per eliminare questa piaga”. Poi ricorda la guerra in Ucraina: “il tempo che passa non raffreddi il nostro dolore”. Dispiaciuto per rinvio visita in Congo e in Sud Sudan

Percorsi: angelus - Papa Francesco
Papa: Angelus; minori sfruttati su lavoro è realtà drammatica

“Oggi ricorre la Giornata mondiale contro il lavoro minorile. Impegniamoci tutti per eliminare questa piaga, perché nessun bambino o bambina sia privato dei suoi diritti fondamentali e costretto o costretta a lavorare. Quella dei minori sfruttati per il lavoro è una realtà drammatica che ci interpella tutti!”. Così Papa Francesco dopo la recita dell’Angelus.

Davanti ai fedeli presenti in piazza San Pietro, il Pontefice ha quindi ricordato la situazione in Ucraina: “È sempre vivo nel mio cuore il pensiero per la popolazione ucraina, afflitta dalla guerra. Il tempo che passa non raffreddi il nostro dolore e la nostra preoccupazione per quella gente martoriata. Per favore, non abituiamoci a questa tragica realtà! Abbiamola sempre nel cuore. Preghiamo e lottiamo per la pace”, ha detto.

Infine un pensiero alle “popolazioni e alle autorità della Repubblica Democratica del Congo e del Sud Sudan” dopo il rinvio della visita in Africa per motivi di salute. “Carissimi, con grande dispiacere, a causa dei problemi alla gamba, ho dovuto rinviare la mia visita nei vostri Paesi, programmata per i primi giorni di luglio. Provo davvero un grande rammarico per aver dovuto rinviare questo viaggio, a cui tengo moltissimo. Vi chiedo scusa per questo. Preghiamo insieme perché, con l’aiuto di Dio e delle cure mediche, io possa venire tra voi al più presto. Siamo fiduciosi!”, ha concluso Papa Francesco.

Fonte: Tog
Comunicato stampa
Papa: Angelus; minori sfruttati su lavoro è realtà drammatica
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento