Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco: Angelus, «Dio è gioia, non noia»

All'Angelus in piazza San Pietro, nella festività dell'Assunzione di Maria, Papa Francesco ha invitato a «guardare in alto», dove «c'è una Madre che ci attende». Preghiera per le popolazioni asiatiche colpite dalle piogge monsoniche.

Papa Francesco, Angelus

«La festa dell’Assunzione di Maria è un richiamo per tutti, specialmente per quanti sono afflitti da dubbi e tristezze, e vivono con lo sguardo rivolto in basso. Guardiamo in alto, il cielo è aperto; non incute timore, non è più distante, perché sulla soglia del cielo c’è una madre che ci attende. È la Regina del cielo, ed è nostra madre». Lo ha detto oggi Papa Francesco nell’Angelus con i fedeli e i pellegrini riuniti in Piazza San Pietro per la solennità dell’Assunzione di Maria Santissima. «Dio è gioia, non noia», ha proseguito: «Lasciamoci prendere per mano dalla Madonna. Ogni volta che prendiamo in mano il Rosario e la preghiamo facciamo un passo avanti verso la grande meta della vita. Lasciamoci attirare dalla bellezza vera, non facciamoci risucchiare dalle piccolezze della vita, ma scegliamo la grandezza del cielo».

Al termine dell'Angelus il Papa ha aggiunto: «Esprimo la mia vicinanza alle popolazioni di diversi Paesi dell’Asia meridionale, duramente colpite dalle piogge monsoniche. Prego per le vittime e gli sfollati, per tutte le famiglie senzatetto. Il Signore dia forza a loro e a quanti li soccorrono». 

Papa Francesco: Angelus, «Dio è gioia, non noia»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento