Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco, Angelus: «vivere un Natale estroverso. Preghiera per le vittime dello tsunami

L’incontro dell’uomo con Dio «non è all’insegna di strabilianti prodigi, ma piuttosto all’insegna della fede e della carità». Lo ha detto ieri il Papa durante l’Angelus con i circa 20mila fedeli e pellegrini in Piazza San Pietro. Al termine la preghiera per le vittime dello tsunami in Indonesia.

Papa Francesco, Angelus (Foto Sir)

«Senza fede - ha detto il Papa - si resta inevitabilmente sordi alla voce consolante di Dio; e si resta incapaci di pronunciare parole di consolazione e di speranza per i nostri fratelli. E noi lo vediamo tutti i giorni: la gente che non ha fede o che ha una fede molto piccola, quando deve avvicinarsi a una persona che soffre, le dice parole di circostanza, ma non riesce ad arrivare al cuore perché non ha forza. Non ha forza perché non ha fede, e se non ha fede non vengono le parole che arrivano al cuore altrui».

L’evento della nascita di Gesù, ha ricordato il Papa, è cominciato con «un semplice gesto di carità; del resto, la carità autentica è sempre frutto dell’amore di Dio«: «Il Vangelo della visita di Maria ad Elisabetta, che abbiamo ascoltato oggi nella Messa, ci prepara a vivere bene il Natale, comunicandoci il dinamismo della fede e della carità. Questo dinamismo è opera dello Spirito Santo: lo Spirito d’Amore che fecondò il grembo verginale di Maria e che la spinse ad accorrere al servizio dell’anziana parente. Un dinamismo pieno di gioia, come si vede nell’incontro tra le due madri, che è tutto un inno di gioiosa esultanza nel Signore, che compie grandi cose con i piccoli che si fidano di Lui». L’augurio di Francesco è quello di «vivere un Natale estroverso, ma non disperso, estroverso: al centro non ci sia il nostro ‘io’, ma il Tu di Gesù e il tu dei fratelli, specialmente di quelli che hanno bisogno di una mano».

«Il mio pensiero va, in questo momento, alle popolazioni dell’Indonesia, colpite da violente calamità naturali, che hanno causato gravi perdite in vite umane, numerosi dispersi e senzatetto e ingenti danni materiali. Invito tutti ad unirsi a me nella preghiera per le vittime e i loro cari». Così il Papa ieri a conclusione dell’Angelus: «Sono spiritualmente vicino agli sfollati e a tutte le persone provate, implorando da Dio sollievo nella loro sofferenza. Faccio appello perché non manchi a questi fratelli e sorelle la nostra solidarietà e il sostegno della Comunità Internazionale».

Papa Francesco, Angelus: «vivere un Natale estroverso. Preghiera per le vittime dello tsunami
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento