Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco, Messa:, fede non è «uno spettacolo». Serve conversione del pensiero

La religione e la fede non sono «uno spettacolo». Così Papa Francesco nella Messa celebrata oggi a Santa Marta. 

Percorsi: Papa Francesco
Papa Francesco, Messa a Santa Marta (Foto Sir)

«La Chiesa ci dice che le nostre opere devono convertirsi, e ci parla del digiuno, dell’elemosina, della penitenza: è una conversione delle opere», ha detto il Papa, secondo quanto riferisce «Vatican News»: «Fare opere nuove, opere con lo stile cristiano, quello stile che viene dalle Beatitudini, in Matteo 25: fare questo. Anche la Chiesa ci parla della conversione dei sentimenti: anche i sentimenti devono convertirsi. Pensiamo, per esempio, alla Parabola del Buon Samaritano: convertirsi alla compassione. Sentimenti cristiani. Conversione delle opere; conversione dei sentimenti; ma, oggi, ci parla della ‘conversione del pensierò: non di quello che pensiamo, ma anche di come pensiamo, dello stile di pensiero. Io penso con uno stile cristiano o con uno stile pagano? Questo è il messaggio che oggi la Chiesa ci dà».

A proposito dell’episodio di Naamàn il Siro, malato di lebbra, il Papa ha ricordato che «va da Elisèo per essere guarito» e si sente consigliare di bagnarsi sette volte nel Giordano. Pensa invece che i fiumi di Damasco siano migliori delle acque d’Israele, «si arrabbia, si sdegna e vuol tornare senza farlo», perché «quest’uomo aspettava lo spettacolo». Ma lo stile di Dio è un altro: «Guarisce in un altro modo». Lo stesso – ha osservato Francesco – accade con Gesù che torna a Nazareth e va alla Sinagoga. Inizialmente «la gente lo guardava», «era stupita», «era contenta»: «Ma mai manca un chiacchierone, che ha cominciato a dire: ‘Ma questo, questo è il figlio del falegname. Cosa ci insegna? In quale università ha studiato questo?’. ‘Sì! È il figlio di Giuseppé. Incominciarono a incrociarsi le opinioni; e cambia l’atteggiamento della gente, e vogliono ucciderlo. Dall’ammirazione, dallo stupore, alla voglia di ucciderlo. Anche questi volevano lo spettacolo. ‘Ma, che faccia dei miracoli, quello che dicono che ha fatto nella Galilea, e noi crederemò. E Gesù spiega: ‘In verità io vi dico: Nessun profeta è ben accetto nella sua patrià. Perché noi facciamo resistenza a dire che qualcuno di noi può correggerci. Deve venire uno con lo spettacolo, a correggerci. E la religione non è uno spettacolo. La fede non è uno spettacolo: è la Parola di Dio e lo Spirito Santo che agisce nei cuori».

Si può recitare «tutto il Credo, anche tutti i dogmi della Chiesa», ma se non lo si fa «con lo spirito cristiano», non serve a «nulla», il monito di Francesco: «La conversione del pensiero. Non è abituale che noi pensiamo in questo modo. Non è abituale. Anche il modo di pensare, il modo di credere, va convertito. Possiamo fare la domanda: ‘Con quale spirito io penso? Con lo spirito del Signore o con lo spirito proprio, lo spirito della comunità alla quale appartengo o del gruppetto o della classe sociale alla quale appartengo, o del partito politico al quale appartengo? Con quale spirito io penso?’ E cercare se io penso davvero con lo spirito di Dio. E chiedere la grazia di discernere quando penso con lo spirito del mondo, e quando penso con lo spirito di Dio. E chiedere la grazia della conversione del pensiero».

Fonte: Sir
Papa Francesco, Messa:, fede non è «uno spettacolo». Serve conversione del pensiero
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento