Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco, Messa: il vero pastore sa congedarsi perché è un servitore

Riflettendo sulla prima Lettura tratta dagli Atti degli apostoli, nella quale Paolo si congeda dalla Chiesa di Efeso che lui stesso aveva fondato, nell’omelia della Messa celebrata questa mattina a Casa Santa Marta, Papa Francesco spiega che Paolo è il modello del vero pastore, uomo libero, che ha servito senza compromessi e senza appropriarsi del gregge, sentendosi «un servitore». Lo riferisce Radio Vaticana.

Percorsi: Papa Francesco
Papa francesco, Messa a Santa Marta (Foto Sir)

«Tutti i pastori – afferma Francesco – dobbiamo congedarci. Arriva un momento dove il Signore ci dice: vai da un’altra parte, vai di là, va di qua, vieni da me. E uno dei passi che deve fare un pastore è anche prepararsi per congedarsi bene, non congedarsi a metà. Il pastore che non impara a congedarsi è perché ha qualche legame non buono col gregge, un legame che non è purificato per la Croce di Gesù». «Una delle cose che darà tanta pace al pastore quando si congeda – spiega il Papa – è ricordarsi che mai è stato un pastore di compromessi», sa «che non ha guidato la Chiesa con i compromessi. Non si è tirato indietro». Il pastore, inoltre, è «costretto dallo Spirito», sa che «è in cammino» e «continua perché lui non ha cosa propria, non ha fatto del suo gregge un’appropriazione indebita. Ha servito» e continua a farlo sempre con «il cuore aperto alla voce di Dio». L’ultimo tratto del vero pastore è non sentirsi «il centro della storia, della storia grande o della storia piccola», non è il centro, è «un servitore». Francesco cita un detto popolare: «Come si vive, si muore; come si vive, ci si congeda». E Paolo si congeda con una «libertà senza compromessi» e in cammino. «Così – conclude il Papa – si congeda un pastore».

Fonte: Sir
Papa Francesco, Messa: il vero pastore sa congedarsi perché è un servitore
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento