Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco, Messa: lasciamoci «misericordiare» dal Signore

«Ognuno di noi è un eletto, un’eletta di Dio». Lo ha spiegato il Papa, nell’omelia della Messa celebrata oggi a Santa Marta, soffermandosi sulle tre chiamate irrevocabili di Dio al suo popolo, nella storia della salvezza: «il dono dell’elezione, della promessa e dell’alleanza».

Percorsi: Papa Francesco
Papa Francesco, Messa a Santa Marta (Foto Sir)

«Ognuno di noi – ha spiegato Francesco – porta una promessa che il Signore ha fatto: ‘Cammina nella mia presenza, sii irreprensibile e io ti farò questo’. E ognuno di noi fa delle alleanze con il Signore. Può farle, non vuole farle – è libero. Ma questo è un fatto. E anche, dev’essere una domanda: come sento io l’elezione? O mi sento cristiano per caso? Come vivo io la promessa, una promessa di salvezza nel mio cammino, e come sono fedele all’alleanza? Come Lui è fedele?». Di fronte alla «fedeltà stessa» che è Dio, l’invito del Papa, dobbiamo interrogarci: «La sentiamo la sua carezza, il suo prendersi cura di noi e il suo cercarci quando ci allontaniamo?». «Nel cammino dell’elezione, verso la promessa e l’alleanza ci saranno peccati, ci sarà la disobbedienza, ma davanti a questa disobbedienza c’è sempre la misericordia», ha spiegato Francesco: «E’ come la dinamica del nostro camminare verso la maturità: sempre c’è la misericordia, perché lui è fedele, lui non revoca mai i suoi doni». Adorazione e lode silenziosa, dunque, davanti a «questo mistero della disobbedienza e della misericordia che ci fa liberi», e davanti a «questa bellezza dei doni irrevocabili come sono l’elezione, la promessa e l’alleanza». «Penso che può farci bene, a tutti noi, pensare oggi alla nostra elezione, alle promesse che il Signore ci ha fatto e come vivo io l’alleanza con il Signore», l’esortazione finale: «E come mi lascio – permettetemi la parola – misericordiare dal Signore, davanti ai miei peccati, alle mie disobbedienze. E alla fine, se io sono capace – come Paolo – di lodare Dio per questo che ha dato a me, a ognuno di noi: lodare e fare quell’atto di adorazione. Ma non dimenticare mai: i doni e la chiamata di Dio sono irrevocabili».

Fonte: Sir
Papa Francesco, Messa: lasciamoci «misericordiare» dal Signore
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento