Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco: a associazione Shabaz Batti, creare «ponti di fraternità» e difendere le «vittime di false accuse»

«Rendo omaggio alla memoria del caro fratello Shahbaz, e mi rallegra sapere che oggi egli è amato e stimato da tanti in Pakistan e che il suo sacrificio sta portando frutti di speranza». Sono le parole dedicate dal Papa a Shahbaz Bhatti, e rivolte oggi al fratello del ministro pachistano assassinato nel 2011, ricevuto in udienza, nella Sala del Concistoro, insieme ai membri dell'associazione «Missione Shabaz Bhatti».

Pakistan, preghiera per martiri cristiani (Foto Sir)

«Anche per lui - ha proseguito Francesco, che ha esordito salutando «tutti i cristiani del Pakistan, specialmente quelli che vivono nelle situazioni più difficili» - vale la parola di Gesù: ‘Se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto'. Frutto di dialogo, di comprensione, di riconciliazione; frutto di fortezza, di coraggio, di mitezza».

«E uno dei frutti delle sofferenze dei cristiani è il moltiplicarsi di gruppi e associazioni - come la vostra - che gettano ponti di fraternità attraverso il mondo, superando differenze di lingua, di cultura e a volte anche di religione», l'omaggio del Papa: «Ponti di fraternità prima di tutto tra le stesse Chiese e comunità ecclesiali, che lo Spirito anima sempre più a camminare insieme nel servizio alla pace e alla giustizia. Ponti di fraternità e di dialogo pure con altri credenti, per favorire rapporti di rispetto e di fiducia reciproca». «Il vostro appello alla solidarietà ha trovato una risposta pronta e generosa in Italia, specialmente nel Triveneto, coinvolgendo pastori e comunità», ha sottolineato Francesco, che ha incoraggiato i presenti «ad andare avanti con questo stile evangelico che unisce fermezza e mitezza, per assicurare assistenza alle vittime di false accuse e, al tempo stesso, realizzare segni concreti di lotta alla povertà e alle moderne schiavitù».

«Auspico che, sostenuti dalla preghiera e dalla solidarietà fattiva di tanti, possiate estendere la vostra azione in tutte le zone del Pakistan dove i cristiani e le altre minoranze sono più presenti e, purtroppo, anche discriminati e fatti oggetto di soprusi e violenze», ha concluso il Papa: «Possa il vostro segno distintivo essere sempre quello che brilla nella testimonianza di Shahbaz Bhatti e di tanti altri martiri del nostro tempo, vale a dire la fede umile e coraggiosa nel Signore Gesù e la capacità di mettere amore dove c'è odio».

Fonte: Sir
Papa Francesco: a Shabaz Batti, creare «ponti di fraternità»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento