Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco: ai ragazzi dei «Cavalieri», imparare a guardare la vita scrutando orizzonti nuovi

Ragazzi che interrogano il Papa. E’ accaduto ieri nell’Aula Paolo VI per l’udienza ai ragazzi di scuola media inferiore che partecipano all’esperienza educativa cristiana «Graal» o «I Cavalieri».

Percorsi: Papa Francesco
Papa Francesco nell'udienza ai ragazzi dei «cavalieri»

«La vita è un continuo ‘buongiorno’ e ‘arrivederci’. Tante volte sono cose piccole, ma tante volte è un arrivederci’ per anni o per sempre. Si cresce incontrandosi e congedandosi. Se tu non impari a congedarti bene, mai imparerai a incontrare nuova gente. Quello che tu dici qui, è una sfida, è la sfida della vita». Sono le prime parole di risposta del Papa a Marta che ieri, in aula Paolo VI, ha interrogato Francesco, assieme a Giulia e Tanio. L’occasione era l’udienza dei ragazzi di scuola media inferiore che partecipano all’esperienza educativa cristiana «Graal» o «I Cavalieri». Marta aveva confidato al Pontefice di essere turbata per il passaggio dalla scuola media alle superiori: «Io sto bene come sto ora, con i miei amici di adesso. Perché devo cambiare tutto? Perché mi fa così paura crescere?». Il Papa ha osservato: «È vero, i tuoi compagni non saranno gli stessi… ma ci sono nuovi compagni che tu devi incontrare, e quella è la sfida. E noi nella vita dobbiamo abituarci a questo cammino: lasciare qualcosa e incontrare le cose nuove. E questo è anche un rischio. C’è gente che ha tanta paura – tu hai usato la parola ‘ho paura’ – di fare un passo, che rimane sempre ferma, troppo quieta e non cresce. Quando un ragazzo, una ragazza, un uomo, una donna dice ‘basta’ e si ‘accomoda sul divano’, non cresce». «Dobbiamo imparare a guardare la vita guardando orizzonti… sempre più avanti. E questo è incontrare nuova gente, incontrare nuove situazioni. Non dimenticarsi degli altri».

«Caro Papa Francesco, mi chiamo Giulia e vorrei chiederti cosa possiamo fare di concreto noi ragazzi giovani per cambiare un po’ il mondo che ci circonda?». Alla domanda di Giulia, Bergoglio ha risposto: «Cambiare il mondo con le piccole cose di ogni giorno, con la generosità, con la condivisione, creando questi atteggiamenti di fratellanza. Se qualcuno mi insulta e io lo insulto, come è questo? Invece se qualcuno mi insulta e io non rispondo, come è questo? Avete capito? Mai dare il male al male». I ragazzi hanno più volte sottolineato gli interventi del papa con applausi e grida di gioia. «Pregate per tutti; pregate – ha detto Francesco – per i vostri amici e pregate anche per i vostri nemici, per quelli che vi fanno soffrire. E Gesù dice: ‘Come il Padre nostro che è nel cielo, fa uscire il sole sui buoni e sui cattivi’. Sì, pregare per tutti. La preghiera per tutti, e non fare desideri cattivi contro gli altri. Così si può cambiare il mondo». Il Papa ha aggiunto: «Non c’è bacchetta magica, ma ci sono piccole cose di ogni giorno che dobbiamo imparare».

Fonte: Sir
Papa Francesco: ai ragazzi dei «Cavalieri», imparare a guardare la vita scrutando orizzonti nuovi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento