Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco ai vescovi giapponesi: grazie per la lunga schiera di martiri

«Ogniqualvolta penso alla Chiesa in Giappone, il mio pensiero corre alla testimonianza dei tanti Martiri che hanno offerto la propria vita per la fede». Comincia così la lettera inviata ieri dal Papa ai vescovi del Giappone, in occasione della visita pastorale del prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli.

Papa francesco (Foto Sir)

«Ogniqualvolta penso alla Chiesa in Giappone, il mio pensiero corre alla testimonianza dei tanti Martiri che hanno offerto la propria vita per la fede». Comincia così la lettera inviata ieri dal Papa ai vescovi del Giappone, in occasione della visita pastorale del cardinale Fernando Filoni, prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli: «Da sempre essi hanno un posto speciale nel mio cuore», prosegue Francesco: «Penso a san Paolo Miki e ai suoi compagni, che nel 1597 furono immolati, fedeli a Cristo e alla Chiesa; penso agli innumerevoli confessori della fede, al beato Justus Takayama Ukon, che nello stesso periodo preferì la povertà e la via dell’esilio piuttosto che abiurare il nome di Gesù. E che dire dei cosiddetti ‘cristiani nascosti’ che dal 1600 fino alla metà del 1800 hanno vissuto in clandestinità pur di non abiurare, ma preservare la propria fede e di cui recentemente abbiamo ricordato il 150° anniversario della scoperta? La lunga schiera dei martiri e dei confessori della fede, per nazionalità, lingua, classe sociale ed età, ha avuto in comune un profondo amore al Figlio di Dio, rinunciando o al proprio status civile o ad altri aspetti della propria condizione sociale, tutto al fine di guadagnare Cristo». Di qui il ringraziamento ai «fratelli» giapponesi, che «con delicata sollecitudine» proseguono «il compito dell’evangelizzazione, specialmente prendendovi cura dei più deboli e favorendo l’integrazione nelle comunità di fedeli di varie provenienze», oltre che «per l’impegno nella promozione culturale, nel dialogo interreligioso e nella cura del creato».

«Le sfide che la realtà attuale ci pone dinanzi non possono renderci rassegnati e nemmeno rimandare a un dialogo irenico e paralizzante, anche se alcune situazioni problematiche destano non poche preoccupazioni». È il monito del Papa, che nella lettera si riferisce «all’alto tasso di divorzi, ai suicidi anche tra i giovani, a persone che scelgono di vivere totalmente sganciate dalla vita sociale – hikikomori – al formalismo religioso e spirituale, al relativismo morale, all’indifferenza religiosa, all’ossessione per il lavoro e il guadagno». «Una società che corre nello sviluppo economico crea anche tra voi i poveri, gli emarginati, gli esclusi», l’analisi di Francesco: «Penso non solo a quelli che sono materialmente tali, ma anche a quelli che lo sono spiritualmente e moralmente». «La genuina forza evangelizzatrice della vostra Chiesa, che le proviene anche dall’essere stata Chiesa di martiri e confessori della fede, è un bene grande da custodire e sviluppare», l’invito del Papa, che raccomanda ai presuli del Giappone «una solida e integrale formazione sacerdotale e religiosa, un compito particolarmente urgente oggi, soprattutto a causa del propagarsi della ‘cultura del provvisorio’», che «porta soprattutto i giovani a pensare che non sia possibile amare veramente, che non esista nulla di stabile e che tutto, compreso l’amore, sia relativo alle circostanze e alle esigenze del sentimento».

Fonte: Sir
Papa Francesco ai vescovi giapponesi: grazie per la lunga schiera di martiri
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento