Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco: udienza, «buon Natale di speranza a tutti»

«Sperare» per il cristiano «significa la certezza di essere in cammino con Cristo verso il Padre che ci attende. La speranza mai è ferma, sempre è in cammino e ci fa camminare». Lo ha ricordato Papa Francesco all’udienza generale odierna, nell’Aula Paolo VI di fronte a 4mila fedeli. Appello per la pace in Congo.

Papa Francesco, udienza in Aula Paolo VI (Foto Sir)

Al centro della catechesi di stamani la speranza e, in specifico, il «momento in cui, per così dire, la speranza è entrata nel mondo con l’incarnazione del Figlio di Dio». Nel Natale, precisa il Papa, «Dio adempie la promessa facendosi uomo; non abbandona il suo popolo, si avvicina fino a spogliarsi della sua divinità. In tal modo Dio dimostra la sua fedeltà e inaugura un Regno nuovo, che dona una nuova speranza all’umanità: la vita eterna». «Ciò che speriamo – precisa Francesco – va oltre le nostre forze e il nostro sguardo. Ma il Natale di Cristo, inaugurando la redenzione, ci parla di una speranza diversa, una speranza affidabile, visibile e comprensibile, perché fondata su Dio. Egli entra nel mondo e ci dona la forza di camminare con Lui, verso la pienezza della vita; di stare in maniera nuova nel presente, benché faticoso».

«Chi confida nelle proprie sicurezze, soprattutto materiali, non attende la salvezza di Dio», ha dettoPapa Francesco ai 4mila pellegrini convenuti in Aula Paolo VI. «Le proprie sicurezze non ci salveranno», ha rimarcato a braccio il Papa, ricordando che l’unica «sicurezza che ci salva» è la «speranza in Dio». «Quella ci salva, è forte, ci fa camminare nella vita con gioia, con voglia di fare il bene, con voglia di diventare felici per tutta l’eternità». Nella catechesi, centrata sul tema della speranza, Francesco ha proposto un riflessione sui personaggi e i luoghi del presepe. Innanzitutto Betlemme, che «non è una capitale, e per questo è preferita dalla provvidenza divina, che ama agire attraverso i piccoli e gli umili». Poi Maria, che «con il suo ‘sì’ ha aperto a Dio la porta del nostro mondo». «Il suo cuore di ragazza era pieno di speranza, tutta animata dalla fede; e così Dio l’ha prescelta e lei ha creduto alla sua parola». Accanto a lei Giuseppe: «Anche lui ha creduto alle parole dell’angelo, e guardando Gesù nella mangiatoia, medita che quel Bambino viene dallo Spirito Santo, e che Dio stesso gli ha ordinato di chiamarlo così, ‘Gesù’. In quel nome c’è la speranza per ogni uomo, perché mediante quel figlio di donna, Dio salverà l’umanità dalla morte e dal peccato». Quindi i pastori, «che rappresentano gli umili e i poveri che aspettano il Messia», e il coro degli angeli che «annuncia dall’alto il grande disegno che quel Bambino realizza», a ricordare che «la speranza cristiana si esprime nella lode e nel ringraziamento a Dio, che ha inaugurato il suo Regno di amore, di giustizia e di pace».

«Buon Natale di speranza a tutti!». E’ l’augurio che Papa Francesco ha rivolto ai fedeli al termine dell’udienza generale. «In questi giorni, contemplando il presepe, ci prepariamo al Natale del Signore.  Sarà veramente una festa – ha sottolineato – se accogliamo Gesù, seme di speranza che Dio depone nei solchi della nostra storia personale e comunitaria». E ha aggiunto: «Ogni ‘sì’ a Gesù che viene è un germoglio di speranza. Abbiamo fiducia in questo germoglio di speranza, in questo ‘sì’. Sì, Gesù, tu puoi salvarmi».

Appello per il Congo. Al termine dell'udienza Francesco ha lanciato «un accorato appello a tutti i congolesi perché, in questo delicato momento della loro storia, siano artefici di riconciliazione e di pace» anche «alla luce di un recente incontro – ha detto il Papa – che ho avuto con il presidente e il vicepresidente della Conferenza episcopale della Repubblica Democratica del Congo». «Coloro che hanno responsabilità politiche – ha aggiunto il Papa – ascoltino la voce della propria coscienza, sappiano vedere le crudeli sofferenze dei loro connazionali e abbiamo a cuore il bene comune». «Nell’assicurare il mio sostegno e il mio affetto all’amato popolo di quel Paese – ha concluso  – invito tutti a lasciarsi guidare dalla luce del Redentore del mondo e prego affinché il Natale del Signore apra cammini di speranza».

Invito alle opere di misericordia. Nei saluti  ai pellegrini italiani il Papa ha lanciato un invito «alla preghiera e all’impegno nelle opere di misericordia perché il Natale sia un incontro personale con il Signore e susciti in noi propositi di bene e di solidarietà». Francesco ha ricordato «L’Associazione Genitori di stelle, con il vescovo di Avezzano, monsignor Pietro Santoro; la delegazione del Comune di Bolsena e i membri dell’AssoPanificatori di Roma»; «gli scouts con la fiaccola della culla della natività a Betlemme, la Comunità Oasi mariana Betania di Alvito e gli studenti, particolarmente quelli dell’Istituto Capriotti di San Benedetto del Tronto». Quindi, come di consueto, un saluto speciale per giovani, ammalati e sposi novelli. «Cari giovani – ha detto il Papa -, preparatevi al mistero dell’Incarnazione con l’obbedienza di fede e l’umiltà che furono di Maria. Voi, cari ammalati, attingete da Lei quella forza e quell’ardore per Gesù che viene tra noi. E voi, cari sposi novelli, contemplate l’esempio della Santa famiglia di Nazaret, per praticare le stesse virtù nel vostro cammino di vita familiare».

Fonte: Sir
Papa Francesco: udienza, «buon Natale di speranza a tutti»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento