Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco, udienza: onorare i genitori porta a una vita lunga e felice

«Onorare il padre e la madre vuol dire dunque riconoscere la loro importanza anche con atti concreti, che esprimono dedizione, affetto e cura». Lo ha spiegato il Papa, durante la catechesi dell'udienza di oggi, dedicata al quarto comandamento: onora tuo padre e tua madre.

Percorsi: Famiglia - Papa Francesco
Papa Francesco, udienza del mercoledì in piazza San Pietro (Foto Sir)

Che cos'è questo «onore», si è chiesto Francesco, ricordando che il termine ebraico «indica la gloria, il valore, alla lettera il peso, la consistenza di una realtà». «Non è questione di forme esteriori ma di verità», ha ammonito il Papa: «Onorare Dio, nelle Scritture, vuol dire riconoscere la sua realtà, fare i conti con la sua presenza; ciò si esprime anche con i riti, ma implica soprattutto il dare a Dio il giusto posto nella propria esistenza». «Ma non si tratta solo di questo», ha precisato Francesco a proposito della Quarta Parola del Decalogo, che «è il comandamento che contiene un esito. «Onora tuo padre e tua madre, come il Signore, tuo Dio, ti ha comandato, perché si prolunghino i tuoi giorni e tu sia felice nel paese che il Signore, tuo Dio, ti dà», si legge infatti nel Deuteronomio. «Onorare i genitori porta ad una lunga vita felice», ha commentato il Papa, facendo notare che la parola «felicità» nel Decalogo «compare solo legata alla relazione con i genitori». «Questa sapienza pluri-millenaria dichiara ciò che le scienze umane hanno saputo elaborare solo da poco più di un secolo», ha affermato Francesco: «Che cioè l'impronta dell'infanzia segna tutta la vita». «Può essere facile, spesso, capire se qualcuno è cresciuto in un ambiente sano ed equilibrato», l'analisi del Papa: «Ma altrettanto percepire se una persona viene da esperienze di abbandono o di violenza. La nostra infanzia è un po' come un inchiostro indelebile, si esprime nei gusti, nei modi di essere, anche se alcuni tentano di nascondere le ferite delle proprie origini».

«Anche se non tutti i genitori sono buoni tutti i figli possono essere felici». Il quarto comandamento «non parla della bontà dei genitori, non richiede che i padri e le madri siano perfetti», ha detto il Papa, che ha poi precisato che la Quarta Parola «parla di un atto dei figli, a prescindere dai meriti dei genitori, e dice una cosa straordinaria e liberante: anche se non tutti i genitori sono buoni e non tutte le infanzie sono serene, tutti i figli possono essere felici, perché il raggiungimento di una vita piena e felice dipende dalla giusta riconoscenza verso chi ci ha messo al mondo».

«Pensiamo a quanto questa Parola può essere costruttiva per tanti giovani che vengono da storie di dolore e per tutti coloro che hanno patito nella propria giovinezza», ha proseguito Francesco: «Molti santi - e moltissimi cristiani - dopo un'infanzia dolorosa hanno vissuto una vita luminosa, perché, grazie a Gesù Cristo, si sono riconciliati con la vita». A braccio, il Papa ha citato Nunzio Sulprizio, «un giovane napoletano oggi beato ma il prossimo mese santo, che a 19 anni ha finito la sua vita riconciliato con tanti dolori, con tante cose, perché il suo cuore suo era sereno e mai aveva rinnegato i suoi genitori». «Pensiamo a san Camillo de Lellis, che da un'infanzia disordinata costruì una vita d'amore e di servizio», l'elenco stilato da Francesco: «A santa Giuseppina Bakhita, cresciuta in una orribile schiavitù; o al beato Carlo Gnocchi, orfano e povero; e allo stesso san Giovanni Paolo II, segnato dalla perdita della madre in tenera età».

«Se ti sei allontanato dai tuoi genitori, fai uno sforzo e torna». «Per favore, mai insultare i genitori! Mai insultare la mamma, mai insultare il papà» con le «parolacce». Il Papa ha concluso con questo invito a braccio la catechesi dell'udienza di oggi. «Fate voi questa decisione interna», l'invito ai 13mila fedeli presenti in piazza: «Da oggi in poi mai insulterò la mamma o il papà di qualcuno. Gli hanno dato la vita, non possono essere insultati». «Gli enigmi delle nostre vite - ha spiegato il Papa - si illuminano quando si scopre che Dio da sempre ci prepara a una vita da figli suoi, dove ogni atto è una missione ricevuta da Lui. Le nostre ferite iniziano ad essere delle potenzialità quando per grazia scopriamo che il vero enigma non è più ‘perché?', ma ‘per chi?' mi è successo questo. In vista di quale opera Dio mi ha forgiato attraverso la mia storia? Qui tutto si rovescia, tutto diventa prezioso, tutto diventa costruttivo». «La mia esperienza, anche triste e dolorosa, ma alla luce dell'amore diventa per gli altri fonte di salute?», l'altro compito assegnato a braccio da Francesco: «Allora possiamo iniziare a onorare i nostri genitori con libertà di figli adulti e con misericordiosa accoglienza dei loro limiti». «Onorare i genitori altrui, ma ci hanno dato la vita!», ha esclamato il Papa sempre fuori testo: «Se tu ti sei allontanato dai tuoi genitori, fai uno sforzo e torna, torna da loro! Forse sono vecchi, ti hanno dato la vita». «E poi, fra noi c'è l'abitudine di dire cose brutte, anche parolacce», ha proseguito Francesco: «Per favore, mai insultare i genitori! Mai insultare la mamma, mai insultare il papà. Fate voi questa decisione interna: da oggi in poi mai insulterò la mamma o il papà di qualcuno. Gli hanno dato la vita, non possono essere insultati».

I saluti. «Il 22 settembre prossimo, a Neampţ (Romania), verrà beatificata Veronica Antal, fedele laica dell'Ordine Francescano Secolare, uccisa in odium fidei nel 1958». Lo ha ricordato il Papa, durante i saluti ai fedeli di lingua italiana. «Rendiamo grazie a Dio per questa donna coraggiosa che, donando la propria vita, testimoniò il vero amore per Dio e per i fratelli», le parole di Francesco, che tra gli altri ha salutato i partecipanti al pellegrinaggio nazionale dell'Ordinariato delle Forze Armate e dei Corpi Armati della Repubblica Slovacca, guidato dall'ordinario militare, mons. František Rábek. Un saluto, infine, alle parrocchie di Turi e di San Giovanni Rotondo, al gruppo della pastorale familiare di Modena, accompagnato dall'arcivescovo mons. Erio Castellucci, e all'Unione italiana ciechi e ipovedenti di Castellammare di Stabia.

Papa Francesco, udienza: onorare i genitori porta a una vita lunga e felice
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento