Vita Chiesa
stampa

Pistoia, lettera aperta ai genitori: «L'ora di religione non è peccato»

«L'ora di religione nella scuola italiana è una preziosa opportunità educativa e culturale: aiuta a scoprire le radici della nostra storia e aiuta i ragazzi a porsi domande di senso e a impegnarsi a trovare risposte per una vita più serena nella fase della crescita». Si conclude così una lettera aperta che Armando Bartolini - professore e direttore dell'Ufficio che in diocesi si occupa dell'insegnamento della religione cattolica (IRC) nelle scuole - invia a tutti i genitori in questi giorni impegnati nelle iscrizioni scolastiche dei loro figli.

Parole chiave: Irc (36)

Il testo (pubblicato integralmente sul sito diocesano: www.diocesipistoia.it) è scritto «per dare qualche motivo di riflessione sulla scelta consapevole dell'ora di religione». Una scelta che quest'anno sta avvenendo anche attraverso le modalità on-line.

Bartolini invita a evitare «scelte frettolose» e sottolinea cinque punti a favore della possibilità data ai ragazzi di fare religione a scuola: cosa diversa - spiega -  rispetto alle forme di catechismo nella parrocchie. In primo luogo l'ora di religione, in una realtà multiculturale e multireligiosa, è importante affinché «i figli conoscano le tradizioni, la cultura, la religione del nostro Paese per essere capaci di dialogo con tutti». Durante l'ora di religione «si impara a conoscere anche le altre culture e religioni perché la nostra mentalità e gli atteggiamenti siano di confronto, dialogo e rispetto».

Bartolini fa poi notare due aspetti più tecnici: l'insegnamento della religione cattolica è «ora curricolare» e dunque «una disciplina scolastica vera e propria che impegna docenti sempre più preparati e attenti alla vita dei ragazzi»; chi non si avvale dell'IRC spesso non ha docenti di materie alternative e finisce in quella che Bartolini chiama «l'ora del nulla», con una non esaltante conclusione («si insinua nei ragazzi l'idea che a scuola si deve stare il meno possibile e, appena ne è data la possibilità, si esce»).

Una sottolineatura anche in favore degli insegnanti di religione (in diocesi di Pistoia sono circa un centinaio per tutti gli ordini di scuole): essi partecipano a pieno titolo a tutte le attività degli organi collegiali della scuola, hanno alle spalle percorsi formativi specifici e non sono dunque «di seconda fascia». Ultimo aspetto che il prof. Bartolini invita a considerare è il fatto che l'ora di religione nelle scuole è una opportunità («preziosa») anche sotto il profilo culturale specie in un contesto decisamente post-secolarizzato come il nostro dove, in assenza dei fondamentali derivanti dalle conoscenze religiose, finisce spesso per essere impossibile, ad esempio, leggere moltissimi capolavori dell'arte. Senza  una minima conoscenza dei fondamentali della religione cattolica, ipotesi tutt'altro che peregrina nel contesto odierno, il rischio per fasce sempre più estese di persone è di non comprendere le varie espressioni, antiche e moderne, dell'arte e del pensiero con un divario sempre più profondo fra chi è in grado di capire e chi no.

Fare i conti con la religione può anche essere utile sotto un profilo eminentemente laico: serve «a porsi domande di senso» educandosi alla critica. «Se si impara a scoprire il perché di quello che si fa, se si impara a capire che la vita è un cammino di ricerca critica, allora la vita apparirà nella sua bellezza e lo studio, insieme alla cultura, diventeranno l'occasione per intraprendere il cammino».

Fonte: Comunicato stampa
Pistoia, lettera aperta ai genitori: «L'ora di religione non è peccato»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento