Vita Chiesa
stampa

Religioni e pace, la Dichiarazione di Lindau: dall’accoglienza dei rifugiati ai cambiamenti climatici

«Ci impegniamo personalmente a promuovere la pace come benessere condiviso». Lo si legge nella dichiarazione finale della decima Assemblea mondiale delle religioni per la pace, che si è conclusa ieri a Lindau, in Germania. 

Religions4peace

L’assise ha indicato alcuni interventi per realizzare questo obiettivo. Tra questi nove punti, la realizzazione di «materiali e seminari sulla pace per contesti multi-religiosi con l’Istituto per l’Economia e della Pace; sviluppare strumenti e formazione sui ruoli positivi delle donne nella prevenzione e trasformazione conflitti, e sul tema della violenza contro di loro». Indicato anche l’impegno a «riconoscere le ferite passate – anche attraverso le tradizioni religiose – e promuovere atti pubblici di perdono e riconciliazione; a lavorare per il benessere di rifugiati e migranti e sviluppare programmi di accompagnamento e di sostegno».

Si chiede inoltre di «sensibilizzare l’opinione pubblica sulla deforestazione con l’Interfaith Rainforest Initiative e, attraverso l’accettazione e la promozione della Dichiarazione di fede per le foreste, agire contro i cambiamenti climatici in generale e sostenere politiche che proteggano la terra». Infine, l’impegno a «diventare partner a pieno titolo per sostenere la campagna internazionale per l’abolizione di armi nucleari».

Fonte: Sir
Religioni e pace, la Dichiarazione di Lindau: dall’accoglienza dei rifugiati ai cambiamenti climatici
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento