Vita Chiesa
stampa

Santa Sede: P. Lombardi, la trasparenza via obbligata da percorrere con coraggio

Intervenendo a Roma alla tavola rotonda promossa dal master in giornalismo della Lumsa e dall'Ucsi (Unione cattolica stampa italiana) sul tema «La nascita e lo sviluppo della sala stampa vaticana dal Concilio ad oggi», il portavoce Vaticano, Padre Lombardi, ha sottolineato come di fronte agli scandali che hanno colpito la Chiesa sia indispensabile la massima trasparenza.

Percorsi: Mass media - Santa Sede
Parole chiave: abusi sessuali (187), Ucsi (22), Ior (50)
Padre Lombardi con il Papa a bordo dell'aereo

«Le vicende legate agli abusi sessuali su minori da parte di membri del clero nell'ambito delle Istituzioni della Chiesa» e quelle legate all'«amministrazione» e all'«attività economica» hanno rappresentato, per la Chiesa, «un duro banco di prova per la crescita della trasparenza». Naturalmente «la Sala Stampa e anche le altre istituzioni mediatiche della Santa Sede sono state luoghi in cui questa crescita si è misurata con tutte le difficoltà e le sofferenze che comporta». Lo ha detto il portavoce vaticano e direttore della sala stampa della Santa Sede, padre Federico Lombardi, intervenuto oggi, a Roma, alla tavola rotonda promossa dal master in giornalismo della Lumsa e dall'Ucsi (Unione cattolica stampa italiana) sul tema «La nascita e lo sviluppo della sala stampa vaticana dal Concilio ad oggi». Alla tavola rotonda hanno partecipato il rettore della Lumsa, Giuseppe Dalla Torre, Andrea Melodia, presidente Ucsi, i vaticanisti Gianfranco Svidercoschi e Raniero La Valle, i docenti della Lumsa Giuseppe Ignesti e Gennaro Iasevoli, Gian Maria Vian, direttore de «L'Osservatore Romano», mons. Pierfranco Pastore, già vicedirettore della sala stampa vaticana, Joaquìn Navarro-Valls, già direttore Sala stampa vaticana.

Circa gli abusi sessuali, padre Lombardi ha dichiarato che «la pressione mediatica è stata una componente importante della spinta verso una profonda revisione degli atteggiamenti comunicativi sul problema degli abusi. La pressione mediatica è stata sperimentata molto concretamente in sala stampa, con richiesta frequente di risposte e nella stessa sala stampa ci si è impegnati molto per un'informazione corretta e obiettiva per dare ragione delle prese di posizione del Papa, delle azioni normative della Congregazione per la dottrina della fede, per mettersi in rapporto collaborativo con gli uffici di comunicazione delle Conferenze episcopali coinvolte in questa problematica, fino a collaborazioni attive nell'organizzazione del convegno alla Gregoriana, un grande sforzo per passare risolutamente dall'atteggiamento di sola difesa a quello della cultura della prevenzione». A tale riguardo il portavoce vaticano ha pubblicamente ringraziato mons. Charles Scicluna, già promotore di giustizia della Congregazione per la dottrina della fede, e oggi vescovo ausiliare di Malta, definito «un amico e un interlocutore essenziale in questa vicenda per la Sala Stampa e per me personalmente». Mons. Scicluna è stato per oltre dieci anni responsabile di tutti i dossier relativi a preti pedofili.

Altro campo individuato da padre Lombardi nel quale «sono cresciute le esigenze di trasparenza e su cui pure si misura il peso e la credibilità della Chiesa» è quello dell'amministrazione e dell'attività economica. «Anche su questo fronte - ha detto p. Lombardi - la sala stampa si è impegnata in particolare nel seguire il racconto dell'inserimento delle amministrazioni facenti capo alla Santa Sede e alla Città del Vaticano nel sistema dei controlli internazionali. Tutto ciò che, insomma, appartiene alla valutazione e al rapporto di Moneyval pubblicato nel luglio scorso. Si è manifestata anche la necessità di un'informazione più obiettiva della realtà dello Ior e dei bilanci della Santa Sede e dello Stato del Vaticano. La visita di una quarantina di giornalisti allo Ior nel giugno passato voleva essere un segnale in questa direzione e spero ce ne saranno altri». La trasparenza, ha concluso padre Lombardi, «è una via obbligata da percorrere con coraggio per il bene e la credibilità della Santa Sede e della Chiesa. La sala stampa è un luogo cruciale in cui da una parte si tenta concretamente di crescere nella domanda di trasparenza, generale, ma anche rivolta specificatamente alla Chiesa e alle sue istituzioni. La sala stampa è così un luogo in cui si sperimenta la capacità o l'incapacità delle nostre istituzioni di crescere in questa direzione».

Fonte: Sir
Santa Sede: P. Lombardi, la trasparenza via obbligata da percorrere con coraggio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento