Vita Chiesa
stampa

Santa Sede, messaggio per la festa indù di Deepavali

Il messaggio del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso nel suo messaggio agli indù in occasione delle celebrazioni di Deepavali

Percorsi: Indù - Santa Sede

«Ispirare e formare le giovani generazioni ad essere operatori di pace» è questo l'impegno dei capi religiosi cristiani e indù. A ribadirlo è il Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso nel suo messaggio agli indù in occasione delle celebrazioni di Deepavali di quest'anno. «Formare i giovani ad essere operatori e costruttori di pace - si legge nel testo firmato dal presidente del già citato Consiglio, card. Jean Louis Tauran - è un appello pressante ad un impegno collettivo e ad un'azione comune. Per essere autentica e duratura, la pace si deve fondare sui pilastri della verità, della giustizia, dell'amore e della libertà ed è necessario che ad ogni giovane si insegni soprattutto ad agire sinceramente e rettamente nell'amore e nella libertà». Inoltre, afferma il messaggio, «in ogni educazione alla pace, le differenze culturali si dovrebbero certamente considerare come una ricchezza, e non una minaccia o un pericolo». «Prima scuola di pace» è la famiglia con i genitori che «sono i principali educatori. Con il loro esempio e i loro insegnamenti, essi hanno il privilegio unico di formare i figli a valori essenziali per una vita pacifica: reciproca fiducia, rispetto, comprensione, ascolto, condivisione, altruismo e perdono».

 «Nobile» è anche il compito di scuole, università, collegi, nell'«assicurare un'educazione che rispetti e celebri l'innata dignità di ogni essere umano e che promuova amicizia, giustizia, pace e cooperazione per uno sviluppo umano integrale. Ponendo i valori spirituali e morali a sostrato dell'educazione, anche prevenire negli studenti ideologie che possono causare discordia e divisione diviene per loro un imperativo morale». Così «mentre gli Stati ed i singoli capi in ambito sociale, politico e culturale hanno in generale il loro importante ruolo da svolgere nel rafforzare l'educazione dei giovani», i capi religiosi «devono continuare ad ispirare le giovani generazioni a camminare sul sentiero della pace e a divenire messaggeri di pace. Coloro che sono impegnati in questi campi devono contribuire al massimo a promuovere pensieri, parole ed opere di pace». «In verità, - conclude il messaggio - i giovani stessi dovrebbero ravvivare gli ideali che propongono agli altri con un uso responsabile della libertà e la promozione di relazioni cordiali, per creare una cultura di pace».

Fonte: Sir
Santa Sede, messaggio per la festa indù di Deepavali
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento