Vita Chiesa
stampa

Settimana sociale: mons. Santoro, “ce la possiamo fare tutti insieme, ma non possiamo perdere un giorno di tempo”

“Condividere i 7 punti del manifesto sull’alleanza”

Settimana sociale: mons. Santoro, “ce la possiamo fare tutti insieme, ma non possiamo perdere un giorno di tempo”

“La 49ª Settimana Sociale dei Cattolici Italiani a Taranto sia oltre che ad una bella pagina della Chiesa italiana da poter raccontare, un punto fermo di svolta e di un futuro migliore che già da oggi ci appartiene”. Si è concluso con questo auspicio l’intervento di mons. Filippo Santoro, vescovo di Taranto, a chiusura della quarta e ultima giornata di lavori al PalaMazzola. “Ai giovani dico di coltivare la speranza così come la vostra fede e di specchiarvi negli occhi di Gesù: è Gesù il buon samaritano”, le parole del vescovo: “Qui a Taranto ci lasciamo con due segni l’uno già visibile, l’altro un sogno già in progress! Il primo è quello dei 50 platani piantati nel Rione Salinella, il secondo il progetto ‘prendi il largo’, con la costituzione della società benefit Il Guscio della comunità della parrocchia cattedrale San Cataldo di Taranto vecchia”. “Ce la possiamo fare tutti insieme. Ci vuole solo coraggio!”, ha assicurato Santoro: “Lo stile di questa Settimana sociale ha dimostrato che il Pianeta che speriamo è già cominciato. La speranza di una pienezza futura si basa su una salvezza presente. Il Beato Giuseppe Toniolo, fondatore delle Settimane Sociali ci sostiene. Un percorso si è già aperto grazie alle agorà digitali che si sono aperte e in cui tutti siamo coinvolti”. “Ma non possiamo perdere un giorno di tempo”, l’appello finale: “Con i tre segnali stradali che il Papa ci ha proposto: gli attraversamenti, il divieto di sosta e l’obbligo di svolta cominciano subito. Non aspettiamo Glasgow, ma cerchiamo di anticiparlo. Impariamo da Papa Francesco con lo sguardo contemplativo e la concretezza nell’affrontare i problemi”.

“Ogni delegato innanzitutto si industri a condividere e a promuovere nelle comunità di appartenenza i contenuti dell’esperienza di Taranto, in particolare i 7 punti del manifesto sull’alleanza”. E’ l’impegno che poi ha chiesto mons. Filippo Santoro, vescovo di Taranto, alle parrocchie e alle diocesi, di fronte ai mille delegati del PalaMazzola, a conclusione della 49 Settimana sociale. Questi, nel dettaglio, gli impegni da prendere sulla scorta del manifesto firmato ieri a Taranto: “Promuovere la nascita di cooperative di comunità, cooperative di consumo, comunità energetiche e gruppi di acquisto solidale (GAS); studiare, capire e valorizzare la vocazione del proprio territorio; valorizzare le aree interne anche attraverso la pastorale rurale; essere audaci nel rivedere l’impostazione della formazione verso i giovani, non aver paura di proporre nelle catechesi l’amore e la cura della casa comune;  provvedere a che vi sia nelle diocesi e nelle parrocchie un referente con la relativa competenza per la pastorale sociale, del lavoro e dell’ecologia integrale; adoperarsi per la valorizzazione del ruolo della donna nella Chiesa ed in politica sostenendo misure per il tempo di cura della famiglia; favorire e partecipare ai gruppi di cittadinanza attiva che nascono dai problemi del territorio”.

Fonte: Sir
Settimana sociale: mons. Santoro, “ce la possiamo fare tutti insieme, ma non possiamo perdere un giorno di tempo”
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento