Vita Chiesa
stampa

Statio Orbis Papa Francesco, il racconto e le immagini della preghiera di un anno fa in piazza San Pietro raccolte in un libro

Un libro per ricordare meglio, per poter pregare, pensare, e rendere la preghiera di Papa Francesco, solo in piazza San Pietro, il 27 marzo dello scorso anno, accessibile ai fedeli che, in quel giorno, col cuore e la preghiera, erano presenti nella piazza, e hanno partecipato attraverso i mezzi di comunicazione disponibili.

copertina libro

Così è nata l’idea di raccogliere il materiale di archivio (le foto, i testi e i video) per presentarlo in un libro, per offrire al lettore un’occasione di sosta, per ripensare alla propria vita e ripartire rinnovati, con uno sguardo nuovo sui fratelli e sul mondo. Si intitola “Perché avete paura? Non avete ancora fede?”, edito dalla Libreria editrice vaticana (e Piemme in Italia). A curare la pubblicazione, il Dicastero per la Comunicazione, che vuole consegnare alla storia le immagini e le parole di quell’evento.

Il volume è suddiviso in due parti, distinte ma strettamente connesse: la preghiera e l’insegnamento. “Con la preghiera il mondo si è fermato, insieme al Santo Padre, per pregare ed implorare Misericordia – si legge nella nota di presentazione -. Nella preghiera il Papa ha esortato, come fece Gesù con i discepoli, ad avere fede, perché con Lui sulla barca non si può naufragare. Con l’insegnamento siamo stati invitati ad un esame di coscienza sincero, per comprendere cosa è veramente essenziale, per analizzare il modo in cui agiamo, nelle grandi e nelle piccole circostanze, per comprendere dove ci siamo smarriti e come ritrovare la strada”. Il codice che si trova alla fine del libro (QRcode), oltre a consentire la visualizzazione del video di quella sera, permette di continuare a seguire l’insegnamento pontificio successivo all’edizione di questo libro. Il volume è stato realizzato dalla Lev in coedizione Bayard.

“Cosa è successo il 27 marzo a Piazza San Pietro? È successa una cosa semplice e grande. Un momento straordinario di preghiera ha unito il mondo. Le immagini erano potenti, drammatiche. In tanti si sono interrogati su quel che hanno visto. Ma l’importante era invisibile agli occhi”. Lo scrive Paolo Ruffini, prefetto del Dicastero per la Comunicazione, nell’introduzione al libro. “Da settimane sembrava fosse scesa una sera senza prospettiva di alba – ricorda Ruffini -. Da settimane il mondo guardava a Roma, al Papa, per trovare nelle sue parole una risposta che non fosse solo il conto delle vittime”.

Nella sua introduzione, il prefetto sottolinea che “il 27 marzo è stato un momento misterioso e potente di kairos intorno a una preghiera semplice”. “La straordinarietà del 27 marzo sta proprio in questo. La sua capacità comunicativa nasce dalla verità. Il Papa era solo come ognuno di noi. Tutti soli davanti a Dio. Tutti uniti davanti a Dio. Tutti fragili e nelle sue mani. La parola sempre ha bisogno del silenzio. E il silenzio è eloquente solo quando riecheggia la parola. Così è stato il 27 marzo”.

Il segretario del Dicastero, mons. Lucio Ruiz, nella sua conclusione, sottolinea che il Papa “ci ha ricordato che ci stavamo affondando da soli e ci ha invitati ad abbandonare le nostre paure in Gesù, per ottenere in Lui la serenità in mezzo alla tempesta”. “La Statio Orbis deve essere il punto di partenza per creare una cosa nuova, per un cambiamento radicale nella cultura. Così dalla meditazione di questa liturgia parte un insegnamento Pontificio ricco nell’analisi della realtà e delle cause con le quali l’uomo ha contribuito al manifestarsi di questa crisi”. “Se la pandemia ha mostrato la debolezza della nostra cultura – conclude -, è necessario che da questa crisi si impari per uscirne diversi”.

Fonte: Sir
Statio Orbis Papa Francesco, il racconto e le immagini della preghiera di un anno fa in piazza San Pietro raccolte in un libro
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento