Vita Chiesa
stampa

Ucraina: vescovi greco-cattolici, «diritto e sacro dovere di difendere la propria patria» da «aggressione» Russia

I vescovi della Chiesa greco-cattolica ucraina in una lettera per l'Avvento denunciano «l'aperta manifestazione di aggressione da parte della Federazione Russa» e rivendicano al popolo ucraino «il diritto e il sacro dovere di difendere la propria patria», invitando alla preghiera e al digiuno.

Percorsi: Pace - Russia - Ucraina
Ucraina, militari 8Foto Sir)

«Alla Vigilia dell'Avvento, la nostra patria sta sperimentando un altro Calvario», ovvero «l'aperta manifestazione di aggressione da parte della Federazione Russa, che ha raggruppato una grande forza militare ai confini con il nostro Paese». Lo scrivono i vescovi della Chiesa greco-cattolica ucraina in una lettera pervenuta al Sir in cui si invita a intensificare la preghiera e a digiunare «nel periodo delle difficili prove per il nostro Stato». I vescovi sottolineano che la comunità internazionale ha condannato il gesto, mentre metà delle regioni del Paese sono ora sotto legge marziale, e allo stesso tempo «assicurano preghiera rafforzata per la difesa dell'aggressione straniera e per il ripristino della pace e dell'integrità del nostro Paese». Il Sinodo della Chiesa greco-cattolica ucraina, inoltre, rimarcano «che il popolo ucraino ha il diritto e il sacro dovere di difendere la propria patria», chiedono ai cittadini ucraini di comprendere «alcune restrizioni» sperimentate a causa della situazione nella vita quotidiana e invita a «non cedere all'ansia diffusa, in particolare, da quanti stanno cercando di seminare panico e senso di disperazione nei nostri cuori».

«La garanzia della vittoria definitiva del popolo e dello Stato sulle forze delle tenebre e del male - prosegue la lettera - è rappresentata dalla nostra esperienza precedente, quando, grazie a Dio, con spirito di amore e sacrificio per la nostra patria e grazie alla solidarietà, abbiamo superato insieme le minacce e le sfide estremamente difficili».

L'aggressione russa «ha dimostrato che il pericolo per la nostra indipendenza e integrità territoriale» non è dissolto, ma è persino intensificato, e che i militari hanno bisogno del «sostegno di solidarietà, di preghiera e digiuno» da parte della popolazione, sostengono i vescovi greco-cattolici: «In questo momento difficile per il nostro popolo continuiamo a chiedere al Signore la vittoria sulle insidie dell'aggressore esterno, la pace per la nostra terra».

Per questo, il Sinodo della Chiesa greco-cattolica ucraina chiede in una lettera di «osservare fedelmente, e, se è perduta, di ripristinare necessariamente la pratica della preghiera quotidiana e del rigoroso digiuno per la pace e liberazione del nostro Paese dalla aggressione russa», perché «preghiera, digiuno e carità sono il nostro punto di controllo spirituale, e, se lo seguiamo fedelmente, avviciniamo il tempo della liberazione e della pace tanto attesa».

I vescovi si appellano anche ai politici ucraini perché «non speculino in questa difficile fase di formazione del nostro Stato abusando delle disgrazie della gente per assicurarsi un loro tornaconto miope», e affinché «si consolidino nella tutela e nel rafforzamento della nostra indipendenza»; e alla comunità internazionale «affinché compia sforzi efficaci per liberare dalla prigionia tutti i nostri ostaggi», compresi quelli della Marina Militare. «Nonostante le manifestazioni di moderne azioni aggressive contro il nostro Paese e la sua popolazione, va ricordato che queste azioni hanno le loro radici spirituali: nei cuori dei criminali e degli aggressori posseduti dalle forze del male», conclude il Sinodo dei vescovi greco-cattolici.

Fonte: Sir
Ucraina: vescovi greco-cattolici, diritto e dovere di difendersi da aggressione Russia
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento