Vita Chiesa
stampa

Università cattolica Murcia: il Sudario di Oviedo ha avvolto la stessa persona della Sacra Sindone

Secondo uno studio medico-forense dell’Università cattolica di Murcia (Ucam) in Spagna, realizzato congiuntamente sopra il Sudario di Oviedo e la Sacra Sindone di Torino, i due indumenti avvolsero la stessa persona.

Percorsi: Sindone
Il sudario di Oviedo e, sotto, la Sindone

Questa era già cadavere ed era in posizione verticale, e soffrì di una ferita penetrante che attraversò l’emitorace destro, con entrata nel quinto spazio intercostale ed uscita dal quarto, vicino alla colonna vertebrale e alla scapola destra, lasciando segni di coaguli di sangue e liquido pleurico-pericardico in entrambi gli indumenti (nella Sindone per il suo contatto con ferite di entrata ed uscita e nel Sudario con quelle di uscita).

A dirigere gli studi sul Sudario di Oviedo Alfonso Sánchez Hermosilla, ricercatore presso l’Ucam, direttore del gruppo di ricerca del Centro spagnolo per Sindonologia e consulente scientifico del Centro Internazionale di Sindonologia di Torino.

La ricerca, spiega un comunicato, «include studi antropometrici, criminologici, anatomici e anatomopatologici della Sindone e del Sudario, ed i loro risultati rappresentano un ulteriore progresso del team di ricerca dell’Ucam che ha studiato il Sudario e in precedenza ha trovato altri elementi che provano che entrambi i capi avvolsero la stessa persona».

La scoperta «concorda con il Vangelo di Giovanni nel Capitolo 19 Versetti 33-34». «Le macchie di sangue con le quali abbiamo lavorato – spiega Sánchez Hermosilla – sono sempre state lì, però nessuno le aveva studiate e sono le uniche con queste caratteristiche. Finora erano state attribuite a segni causati da ferite della flagellazione».

Fonte: Sir
Università cattolica Murcia: il Sudario di Oviedo ha avvolto la stessa persona della Sacra Sindone
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento