Aborto

Ultimi contenuti per il percorso 'Aborto'

È vero che sono in diminuzione, ma nel 2017 gli aborti in Toscana sono stati 5.627. Il trend è in discesa tanto per le madri italiane, che hanno effettuato 3.324 interruzioni di gravidanza (-3,1%), che fra le straniere arrivate a 2.284 aborti (-5,9%). Cresce l'età media di chi vi ricorre. Nel 28% dei casi l'ivg è stata effettuata con metodo farmacologico. I dati sono contenuti nella relazione dell'Agenzia regionale di sanità.

A 40 anni dall'entrata in vigore in Italia della legge 194, una lettrice chiede se ci possono essere eccezioni alla condanna dell'aborto da parte della chiesa. Risponde padre Maurizio Faggioni, docente di Teologia morale alla Facoltà Teologica dell'Italia Centrale.

«La Chiesa è per la vita, e la sua preoccupazione è che nulla sia contro la vita nella realtà di una esistenza concreta, per quanto debole o priva di difese, per quanto non sviluppata o poco avanzata». A ricordarlo è stato il Papa, nell'udienza concessa oggi, nella Sala dei Papi del palazzo apostolico, alla Federazione internazionale delle associazioni dei medici cattolici (Fiamc), in occasione del primo congresso che si terrà a Zagabria dal 30 maggio al 2 giugno sul tema: «Santità della vita e professione medica. Dall'Humanae vitae alla Laudato sì».

È stata depositata ieri in Parlamento la Relazione annuale del Ministero della Salute sulla legge 194 relativa all’anno 2016. Ne analizza i dati oggi Avvenire che rileva anzitutto due elementi fondamentali che emergono: la diminuzione del numero di interruzioni volontarie di gravidanza e il dato stabile sull’obiezione di coscienza.

«La legge 194 non prevede il diritto all’aborto: chiede – invano – di prevenirlo offrendo alternative a chi chiede di farvi ricorso. Riconoscere un diritto all’aborto equivarrebbe ad ammettere che ad alcuni esseri umani possa non essere riconosciuto il diritto alla vita, con evidenti rischi che, in nome dei diritti civili, il perimetro dei diritti umani possa in futuro ridursi anche per altre categorie». Lo afferma Gian Luigi Gigli, presidente del Movimento per la vita italiano, a proposito della Giornata mondiale per l’accesso all’aborto sicuro e legale.