Abusi

Ultimi contenuti per il percorso 'Abusi'

«La mancanza di risposte da parte nostra alla sofferenza delle vittime, fino al punto di respingerle e di coprire lo scandalo al fine di proteggere gli abusatori e l'istituzione ha lacerato la nostra gente, lasciando una profonda ferita nel nostro rapporto con coloro ai quali siamo inviati per servirli». Lo ha detto il card. Luis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila e presidente di Caritas Internationalis, che ha tenuto la prima relazione dell'incontro in Vaticano su «La protezione dei minori», subito dopo l'introduzione di apertura del Papa.

Ascoltare il «grido dei piccoli che chiedono giustizia», senza pronunciare «semplici e scontate condanne», ma con «misure concrete ed efficaci», per contrastare questo «male che affligge la Chiesa e l'umanità». È l'invito del Papa, nella sua breve introduzione ai lavori dell'incontro su «La protezione dei minori nella Chiesa», che si è aperto questa mattina presso l'Aula nuova del Sinodo.

Il direttore ad interim della Sala stampa Vaticana ha riferito che stamani il Comitato organizzatore del summit sulla tutela dei minori ha incontrato 12 rappresentanti, sia uomini che donne, di vittime di abusi da parte di membri del clero. Ha anche riferito sui lavori del C6, il consiglio dei cardinali. Il 25 febbraio riunione ristretta tra dicasteri della Curia romana sul tema della tutela dei minori.

«Idolatria e idoli sembrano cose di altri tempi, ma in realtà sono di tutti i tempi! Anche di oggi. Descrivono alcuni atteggiamenti contemporanei meglio di molte analisi sociologiche». Ad esclamarlo è stato il Papa, durante l'Angelus di ieri, in cui ha esortato a «riflettere sul senso profondo dell'avere fede, che consiste nel fidarci totalmente del Signore».