Agricoltura

Ultimi contenuti per il percorso 'Agricoltura'

“Il gelo ha colpito duramente nelle campagne dove le produzioni in molti territori sono state praticamente dimezzate, dalle albicocche alle pesche, dalle fragole ai kiwi fino agli ortaggi”. Lo segnala un monitoraggio della Coldiretti sugli effetti dell’ondata di freddo gelido che ha devastato i raccolti dal Piemonte alla Lombardia, dal Trentino al Veneto, dall’Emilia Romagna alle Marche, dalla Toscana al Molise. 

Su quasi una azienda agricola su cinque (18%) pesa la riduzione della domanda di prodotti provocata soprattutto dal crollo del turismo e dal taglio degli acquisti da parte dei bar, ristoranti e pizzerie costretti alla chiusura per l’emergenza sanitaria. È quanto emerge dall’analisi della Coldiretti sui dati Istat relativi al periodo compreso tra il 2020 e il 2021.

“Queste Feste blindate hanno fatto riscoprire gli alberi di Natale, le stelle e i ciclamini, portando un po’ di colore e atmosfera nelle case degli italiani. Proprio il maggior tempo passato in casa, oltre a ravvivare tradizioni e spirito natalizio, ha spinto la richiesta che per alberi, stelle e ciclamini è cresciuta del 15%. Questi risultati, però, non possono rimanere un episodio spot, ma vanno accompagnati da misure snelle e applicabili per far ripartire l’intero settore”. Lo ha rilevato Francesco Mati, presidente della Federazione nazionale che riunisce i florovivaisti di Confagricoltura.

Novemila chili di formaggi, salumi, pasta, conserve di pomodoro, farina, vino e olio 100% italiani, di alta qualità e a chilometri zero in dono dagli agricoltori di Campagna Amica ai più bisognosi nell’ambito dell’iniziativa la “spesa sospesa” operativa lungo tutta la Toscana. L’iniziativa di solidarietà è promossa da Coldiretti della Toscana, in occasione della più grande giornata della “Spesa sospesa del contadino” per aiutare a combattere le nuove povertà e offrire ai più bisognosi un Natale sereno.

Bene il pagamento degli anticipi della PAC e del PSR per 116 milioni di euro, una boccata d’ossigeno per 28.320 aziende agricole, dopo il crollo delle attività di bar, trattorie, ristoranti, pizzerie e agriturismi che ha un effetto negativo a valanga sull’agroalimentare della Toscana. E’ quanto afferma Coldiretti Toscana alla notizia che la Giunta regionale ha dato mandato all’Agenzia regionale per le Erogazioni in Agricoltura (ARTEA) di pagare 116 milioni di euro di fondi europei, di cui 95 milioni per i pagamenti diretti della Politica Agricola Comunitaria (PAC) a 23.209 agricoltori, e quasi 22 milioni di anticipi per le misure del Programma di sviluppo rurale (Psr) 2014-2020 a 5.111 aziende agricole.