Alluvioni

Ultimi contenuti per il percorso 'Alluvioni'

«Davanti alla calamità i livornesi hanno dimostrato, ancora una volta, il loro animo ricco di solidarietà e intraprendenza, liberando dal fango molte abitazioni e aree nevralgiche per la vita quotidiana delle persone e della comunità. Una risposta generosa e corale - a cui contribuirono tanti giovani - che costituisce una ragione di orgoglio, che legittimamente si iscrive nella memoria di quei giorni drammatici accanto alle ferite, purtroppo, indelebili che l'alluvione ha provocato». Lo sottolinea il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del primo anniversario dell'alluvione di Livorno.

Livorno ha ricordato ieri il primo anniversario dell'alluvione che portò alla morte di nove persone oltre a causare ingenti danni. Messa del vescovo Simone Giusti nella chiesa di Nostra Signora di Lourdes di Collinaia. La sera, fiaccolata con le autorità. Il commissario straordinario per l'emergenza, Enrico Rossi, fa il punto sui lavori di ripristino.

«È un disastro senza precedenti a memoria d’uomo e l’estensione della distruzione è sconcertante. Ciò nonostante la Chiesa, molto attiva, si è mobilitata sin dalle prime ore nel portare soccorso alle vittime e nel coordinarsi con le altre agenzie sul territorio». Lo dice padre Paul Moonjely, direttore di Caritas India, a proposito delle inondazioni nello stato meridionale del Kerala.

«Erano quarant’anni che non si assisteva ad un’inondazione di tale portata. L’Orinoco è esondato lungo tutto il suo percorso, sia in Colombia che in Venezuela. La gente ha perso tutto e ora c’è paura per le epidemie». Questa la drammatica testimonianza di mons. Jonny Eduardo Reyes Sequera, vescovo di Puerto Ayacucho (Venezuela), giunta in Italia attraverso le Missioni Don Bosco. 

Sono 169 i morti, 79 i dispersi e oltre 20mila le persone rimaste isolate in conseguenza delle piogge torrenziali che hanno colpito il Giappone orientale e, in particolare, le prefetture di Hiroshima, Ehime e Kochi, che hanno diffuso questi dati. Le zone isolate vengono raggiunte dagli elicotteri per il rifornimento di acqua potabile e cibo.