Alluvioni

Ultimi contenuti per il percorso 'Alluvioni'

Pensando alle chiese di Firenze nei giorni dell’Alluvione del ’66 vengono in mente i gravi danni che l’acqua e il fango provocarono a edifici e opere d’arte. Ma il ruolo delle parrocchie fu ben più importante: in molti casi diventarono centri di raccolta e smistamento di beni di prima necessità, luoghi di raccordo per i volontari arrivati a dare una mano.

Papa Francesco torna a rivolgersi a Firenze con un telegramma inviato ieri al cardinale arcivescovo Giuseppe Betori in occasione del 45° anniversario dell’inaugurazione della Casa per anziani Paolo VI, dono del beato Pontefice alla città di Firenze e segno di sollecitudine in un momento tanto doloroso a causa della devastante alluvione.

Al termine dell'udienza generale di oggi, Papa Francesco ha detto: “Invito a pregare per le vittime delle calamità che in questi giorni hanno colpito gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e l’America del Sud, specialmente il Paraguay, causando purtroppo vittime, molti sfollati e ingenti danni. Il Signore dia conforto a quelle popolazioni, e la solidarietà fraterna li soccorra nelle loro necessità”.

«Gli squilibri e le ferite che il maltempo sta lasciando in questo periodo sul nostro territorio sono purtroppo profondi e hanno provocato addirittura la perdita di vite umane, oltre che danni ingenti, in particolare al Sud». Lo scrive in un comunicato la Caritas Italiana, in merito alle situazioni meteorologiche critiche del Mezzogiorno, in particolare della Calabria e della Sicilia.

«Purtroppo Paupisi e molti altri territori sono stati colpiti da un vero e proprio Tsunami di terra». Lo ha detto il sindaco di Paupisi (Benevento), Antonio Coletta, in un’intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000, in merito all’ondata di maltempo che ha coinvolto l’intera Campania. Il paese di Paupisi, tra i più colpiti, conta oggi 93 famiglie sfollate per un totale di 214 persone.