Mare

Ultimi contenuti per il percorso 'Mare'

Il 29 giugno, almeno 100 persone sono morte dopo che una barca che trasportava circa 123 rifugiati è affondata al largo della costa di Tajoura in Libia. A darne notizia, aggiornando il bilancio precedentemente comunicato, è l'Unhcr, l'Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, in una nota nella quale si dice «profondamente addolorata per l'ultima tragedia avvenuta nel Mar Mediterraneo».

Su 20 punti monitorati, «ben nove sono risultati con cariche batteriche molto elevate. E sono in particolare i fiumi a continuare a riversare in mare scarichi non depurati, con gravi rischi non soltanto per l'ecosistema marino ma anche per la stessa salute dei bagnanti». È questo il bilancio del monitoraggio svolto lungo le coste toscane dall'équipe tecnica di Goletta Verde, la storica campagna di Legambiente sullo stato di salute delle coste e delle acque italiane.

Sull'ultimo gommone partito dalla Libia erano saliti in più di cento, ma di loro soltanto 41 sono arrivati in Italia. È la drammatica cronaca dell'ultimo naufragio che si è consumato nel Mediterraneo. A darne testimonianza è l'équipe di psicologi e mediatori culturali di Medici senza frontiere (Msf) che ha fornito primo soccorso psicologico alle persone soccorse nove giorni fa dalla Nave Diciotti e approdate ieri notte a Pozzallo. 

(da Valencia) - Una comunità cattolica tradizionalmente aperta e solidale, pronta a dare una accoglienza «senza limiti» ai migranti della nave Aquarius sbarcati a Valencia. Prima si era parlato di 200 persone, invece oggi il concetto di non porre limiti alla solidarietà viene ripetuto più volte da mons. Arturo Ros, vescovo ausiliare e coordinatore dell'azione sociale e caritativa dell'arcidiocesi di Valencia.