Arte

Ultimi contenuti per il percorso 'Arte'

Uno sguardo di tenerezza sui migranti che affrontano con speranza il loro viaggio, ma anche di rabbia per le tragedie del mare che segnano il fenomeno migratorio: c’è tutto questo nella mostra «Migranti» dell’artista Andrea Monastero allestita presso l’Istituto di istruzione superiore Gobetti-Volta a Bagno a Ripoli dal 20 al 25 gennaio. Quadri che affrontano la condizione dei Migranti, soggetto che dalla cronaca quotidiana diventa simbolo dell’uomo alla ricerca della propria identità

«Mi sono accorto che mancava una formazione adeguata per gli artisti non vedenti». A parlare è lo scultore bolzanese Andrea Bianco, ideatore e consulente didattico del percorso formativo in arti plastiche «I passi dell’arte», rivolto proprio ad artisti non vedenti e ipovedenti che si svolgerà a settembre alla Scuola di arte sacra di Firenze.

Il 2020 è un anno speciale per la parrocchia della Sacra Famiglia a Prato: 50 anni fa, nel 1970, venne consacrata la chiesa della zona del ponte Petrino. Il progetto degli architetti Silvestro Bardazzi e Francesco Gurrieri era assolutamente innovativo per l’epoca e ancora oggi l’edificio a tronco di piramide con sette lati irregolari mantiene intatta tutta la sua originalità.

Al via il nuovo ciclo di conferenze dell’Opera di Santa Maria del Fiore dedicate alla Cupola del Brunelleschi, nell’anno in cui ricorrono i seicento dall'inizio della sua costruzione, e a Raffaello nei cinquecento anni dalla sua morte.  Le conferenze a cura di Sergio Givone, Antonio Natali, e Vincenzo Vaccaro si terranno presso l'Antica Canonica di San Giovanni a Firenze (Piazza San Giovanni 7), dal 14 gennaio al 19 maggio 2020, di martedì alle ore 17. L'ingresso è gratuito, senza prenotazione, fino a esaurimento posti.

“Bentornato Dedo”. Saranno numerosi anche in questo weekend venerdì 10 , sabato 11 e domenica 12 gennaio gli eventi che Livorno mette in campo in concomitanza con la grande mostra “Modigliani e l’avventura di Montparnasse. Capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre visitabile  al Museo della Città fino al 16 febbraio prossimo. Un ricco carnet di appuntamenti culturali e turistici per omaggiare il grande artista e, in forma diffusa, per farne conoscere il genio, l’originalità e lo stile personalissimo che lo rende famoso in tutto il mondo. Performance teatrali, concerti, conferenze, proiezioni film, percorsi guidati e tour in battello saranno tantissime le opportunità  per seguire “le tracce” di Amedeo e visitare i luoghi frequentati dall’artista, luoghi di vita e d’ispirazione.

«La regola di Piero» chiude il 2019 con oltre 32mila visitatori. È un successo straordinario quello che accompagna la mostra di Mimmo Paladino ad Arezzo, che in soli sei mesi di apertura ha fatto registrare un piccolo record di presenze. E proprio in virtù di un così importante partecipazione la mostra, aperta lo scorso 15 giugno e prevista fino al prossimo 31 gennaio, sarà prorogata fino al 31 marzo 2020.

L'"Annunciazione" di Montefioralle torna a risplendere. I fratelli Anichini di Greve in Chianti finanziano l’opera per tenere viva la memoria degli zii Tonino e Faustina, legati alla Chiesa di Santo Stefano e devoti alla Madonna. Il restauro del dipinto quattrocentesco è stato curato da Gloria Verniani.

Prosegue fino al 26 gennaio a ingresso libero, con visite guidate insieme alla curatrice Alessandra Trabucchi e il calendario di incontri di approfondimento curato da Giovanni Ricci, la mostra "Giuseppe Ardinghi e Mari Di Vecchio. L’ambiente artistico del Novecento a Lucca" al Palazzo delle Esposizioni di Lucca (piazza San Martino, 7 - Lucca). L’esposizione è organizzata da Fondazione Lucca Sviluppo e Fondazione Banca del Monte di Lucca, in collaborazione con il Polo Museale della Toscana e il Comune di Lucca.

In occasione delle feste natalizie, l’Opera di Santa Maria del Fiore annuncia una speciale iniziativa per i residenti a Firenze e provincia: dal 27 dicembre 2019 al 2 febbraio 2020, sarà possibile partecipare a delle visite guidate gratuite alla Porta Sud del Battistero di Firenze visibile da pochi giorni, dopo il restauro, al Museo dell’Opera del Duomo.