Agesci

Ultimi contenuti per il percorso 'Agesci'

Nel 1944, dopo la liberazione, anche a Firenze furono ricostituite le associazioni del movimento scautistico sciolte dalla dittatura fascista. Un tempo di fermento e di attivismo che questo sabato 15 novembre viene ricordato con un pomeriggio di festa in piazza Annigoni.

Decine di inviati, ore ed ore di dirette televisive: il grande raduno Agesci ha attirato l’attenzione di tutte le principali testate nazionali, regionali e locali. Ma il lavoro più imponente per raccontare la route lo hanno fatto gli stessi scout.

Gli ultimi capi scout lasceranno la tenuta di San Rossore domani, dopo aver smantellato le tensostrutture. E sempre domani il presidente del parco di Migliarino-San Rossore e Massaciuccoli traccerà un bilancio dell’impatto ambientale (molto ridotto, per la verità) procurato dalla presenza dei 30mila capi, rover e scolte in occasione della route nazionale Agesci.

Hanno percorso sentieri e strade d'Italia dal 1° al 10 agosto più di 30mila scout dell'Agesci in occasione della Route nazionale 2014 sul tema "Strade di coraggio...diritti al futuro". A San Rossore è stata allestita una vera e propria "Città delle tende". Tv2000, la sera del 9 agosto ha trasmesso la veglia degli scout. L'Agesci ha scommesso sul tema del coraggio perché vuole che i suoi giovani si rendano conto che è il momento di diventare i protagonisti del cambiamento, costruttori del proprio futuro e di quello del Paese.

Sono le ore 21 quando percorriamo a piedi per l’ennesima volta il viale che collega Cascine vecchie con Cascine nuove, nella tenuta di San Rossore. Qui, da mercoledì sera a questo pomeriggio, oltre trentamila capi, rover e scolte hanno pregato, hanno riflettuto, hanno giocato, si sono confrontati sui grandi temi dell’esistenza. GUARDA LE FOTO

«Grazie per questo lavoro intenso e intelligente»: con queste parole il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana, ha accolto  il testo della Carta del coraggio consegnatagli dagli alfieri, i rover e le scolte che l'hanno raccolta durante i giorni di campo a San Rossore.