Comunità Giovanni XXIII

Ultimi contenuti per il percorso 'Comunità Giovanni XXIII'

«Qualsiasi forma di prostituzione è una riduzione in schiavitù, un atto criminale, un vizio schifoso che confonde il fare l'amore con lo sfogare i propri istinti torturando una donna inerme. È una ferita alla coscienza collettiva, una deviazione all'immaginario corrente». Lo scrive Papa Francesco nella prefazione del libro «Donne Crocifisse», pubblicata oggi su In Terris (www.interris.it). 

Operazione Colomba, corpo Civile di Pace dell'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, lancia al Governo italiano, all'Ue e all'Onu, ha presentato oggi a Roma un dossier sulla situazione dei profughi siriani in Libano chiedendo a governo italiano Unione europea e Onu di intervenire per garantire il rispetto del non respingimento.

Giovanni Paolo Ramonda (Apg23), commenta con il Sir l'annuncio del ministro Alfonso Bonafede di voler istituire presso il dicastero, a seguito della vicenda degli affidi in Val d'Enza, in provincia di Reggio Emilia, una «squadra speciale di giustizia per la protezione dei bambini». E difende il sistema dell'affido.

Sulla vicenda di Vincent Lambert, il 42 enne francese rimasto tetraplegico dopo un incidente e al quale i medici hanno sospeso alimentazione e idratazione, interviene Giovanni Paolo Ramonda, presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, unendosi alle preghiera per quest'uomo da 8 giorni senza cibo e acqua e chiedendo una legge che impedisca il ripetersi di casi come questo.

«I profughi in mare vanno soccorsi, salvati e integrati, privilegiando i corridoi umanitari». Lo ribadisce Giovanni Paolo Ramonda, presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII (Apg23) che chiede alla maggioranza di governo di rivedere il decreto sicurezza-bis.

La Comunità Papa Giovanni XXIII, fodata da don Oreste Benzi, ha celebrato stamani al palacongressi di Rimini, alla presenza del Capo dello Stato, i 50 anni di attività. Chiesta l'istituzione di un ministero per la pace. Messaggio del card. Bassetti. Mattarella: «Nella società non ci possono essere scarti, ma cittadini di uguale importanza sociale».