Misericordie

Ultimi contenuti per il percorso 'Misericordie'

“Non fare niente di fronte a questa strage continua ci rende in un certo senso complici di quanto sta accadendo. Quello dei migranti che attraversano il Mediterraneo verso le nostre coste non è un problema solo italiano, è un’emergenza umanitaria mondiale e tutte le autorità internazionali, Europa in primis, debbono sentirsi interpellate.” A dirlo è il presidente della Confederazione nazionale delle Misericordie, Roberto Trucchi, che in queste ore sta cercando di contattare in prima persona le autorità di Lampedusa per offrire, nelle modalità in cui ce ne sarà bisogno, l’aiuto delle Misericordie d’Italia.

Tra gennaio e settembre 2012 (ultimi dati disponibili) il Telefono Amico di Prato ha ricevuto ben 4600 telefonate, di cui 83 da parte di persone pronte a compiere un gesto estremo. È da venti anni che il Telefono Amico opera sul territorio pratese grazie alla sezione femminile della Misericordia. Lo scopo è quello di ascoltare senza giudicare, offrendo un appiglio in totale anonimato.

«Una buona partecipazione, vicina e lontana, alla Gmg». È l’augurio che il cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze e presidente dei vescovi toscani, rivolge ai ragazzi e alle ragazze che si apprestano a seguire la Giornata mondiale della Gioventù. Il saluto di Betori, insieme alle riflessioni dei responsabili della pastorale giovanile e alle testimonianze di tanti giovani in un video realizzato da Toscana Oggi in collaborazione con le Misericordie della Toscana.

Le Misericordie a sostegno del Ddl presentato stamani a Roma. «Eviterebbe che lo Stato imponga una tangente sulla solidarietà, trattenendo per sé, come ha fatto in questi ultimi anni, le risorse destinate dai cittadini al volontariato»