Misericordie

Ultimi contenuti per il percorso 'Misericordie'

La Misericordia di Prato in festa per un finesettimana. Da venerdì 21 a domenica 23 giugno si terrà infatti – presso la sede centrale di via Galcianese 17 – l’iniziativa «Fratelli in festa», organizzata dall’Arciconfraternita, in collaborazione con varie sezioni: quella Femminile, quelle di Chiesanuova, Coiano, Figline, Grignano, Iolo, Mezzana, Montemurlo, Oste e Vernio. «Sarà – spiegano gli organizzatori – un modo per ritrovarsi tutti a casa, nella sede di via Galcianese che, così, apre le porte, e condividere un momento di festa».

La Misericordia rilancia l’azione in Toscana. A partire dalla Federazione regionale nata nel 2010, poi «congelata» in attesa del nuovo Statuto. Ora tutto riparte con nuova forza. A spiegarci il senso di questa nuova articolazione su base regionale – che si pone a un livello intermedio tra Confederazione nazionale e confraternite – è il presidente Alberto Corsinovi.

Cinque milioni dalla Regione Toscana per sostenere iniziative di microcredito a favore di persone in situazioni di particolare difficoltà o fragilità socio-economica. La spesa, autorizzata lo scorso dicembre con la legge finanziaria regionale 2013, adesso può concretizzarsi. Questa mattina è stato infatti firmato un protocollo d'intesa fra Regione Toscana e quattro soggetti toscani del terzo settore (Anpas, Arci, Caritas, Misericordie) in base al quale potranno concretamente partire «iniziative di lotta alla povertà e di sostegno all'inclusione sociale».

Una grande festa in cui, alla presenza del Capo dipartimento della Protezione civile Franco Gabrielli, al parco Ferrari di Modena, sono stati premiati i 1500 volontari e le 350 Misericordie di tutta Italia che hanno portato il loro aiuto durante l’emergenza terremoto in Emilia e nel corso della quale sono stati anche consegnati ai sindaci di Mirandola, Maino Benatti e di San Felice sul Panaro, Alberto Silvestri, i fondi raccolti con la sottoscrizione lanciata dalla Confederazione nazionale delle Misericordie.

Roberto Trucchi è stato confermato alla guida della Confederazione nazionale delle Misericordie, il più antico e uno dei maggiori movimenti di volontariato italiani. Trucchi è stato eletto Presidente dall’Assemblea nazionale svoltasi oggi a Modena, dov’è contemporaneamente in corso il 1° Meeting nazionale delle Misericordie, cui partecipano 1500 volontari, in gran parte giovani e giovanissimi, provenienti da ogni parte d’Italia e alloggiati nel campo della Colonna Mobile Nazionale di protezione civile, allestito all’interno del Parco Ferrari.

Si è aperto ufficialmente questo pomeriggio il 1° Meeting nazionale delle Misericordie, in programma fino a domenica al Parco Enzo Ferrari di Modena, dov’è stato montato su 18.000 metri quadrati il campo della Colonna mobile nazionale di protezione civile delle Misericordie, che ospita 1500 volontari provenienti da ogni parte d’Italia per questa tre giorni all’insegna della solidarietà.

Solidarietà all’arcivescovo di Pisa Giovanni Paolo Benotto e stupore per la decisione di svolgere un presidio domenica davanti all’Arcivescovado da parte delle organizzazioni sindacali e dei lavoratori della Misericordia di Pisa a seguito dell’annuncio di un piano per risanare la Misericordia stessa che prevede, tra l’altro, anche esuberi tra i dipendenti. Ad esprimerle è il responsabile delle Misericordie toscane, Alberto Corsinovi.

A un anno dal terremoto in Emilia-Romagna, le Misericordie d'Italia si incontreranno al Parco Enzo Ferrari di Modena da venerdì a domenica prossimi per il Meeting nazionale. Nei tre giorni si svolgerà l'Assemblea nazionale delle Misericordie, in cui si voterà per l'elezione degli organi e del presidente della Confederazione, ma ci sarà spazio anche per esercitazioni, convegni, forum tecnici, eventi, presentazioni di libri, spettacoli, momenti di festa.