Misericordie

Ultimi contenuti per il percorso 'Misericordie'

Una grande festa in cui, alla presenza del Capo dipartimento della Protezione civile Franco Gabrielli, al parco Ferrari di Modena, sono stati premiati i 1500 volontari e le 350 Misericordie di tutta Italia che hanno portato il loro aiuto durante l’emergenza terremoto in Emilia e nel corso della quale sono stati anche consegnati ai sindaci di Mirandola, Maino Benatti e di San Felice sul Panaro, Alberto Silvestri, i fondi raccolti con la sottoscrizione lanciata dalla Confederazione nazionale delle Misericordie.

Roberto Trucchi è stato confermato alla guida della Confederazione nazionale delle Misericordie, il più antico e uno dei maggiori movimenti di volontariato italiani. Trucchi è stato eletto Presidente dall’Assemblea nazionale svoltasi oggi a Modena, dov’è contemporaneamente in corso il 1° Meeting nazionale delle Misericordie, cui partecipano 1500 volontari, in gran parte giovani e giovanissimi, provenienti da ogni parte d’Italia e alloggiati nel campo della Colonna Mobile Nazionale di protezione civile, allestito all’interno del Parco Ferrari.

Si è aperto ufficialmente questo pomeriggio il 1° Meeting nazionale delle Misericordie, in programma fino a domenica al Parco Enzo Ferrari di Modena, dov’è stato montato su 18.000 metri quadrati il campo della Colonna mobile nazionale di protezione civile delle Misericordie, che ospita 1500 volontari provenienti da ogni parte d’Italia per questa tre giorni all’insegna della solidarietà.

Solidarietà all’arcivescovo di Pisa Giovanni Paolo Benotto e stupore per la decisione di svolgere un presidio domenica davanti all’Arcivescovado da parte delle organizzazioni sindacali e dei lavoratori della Misericordia di Pisa a seguito dell’annuncio di un piano per risanare la Misericordia stessa che prevede, tra l’altro, anche esuberi tra i dipendenti. Ad esprimerle è il responsabile delle Misericordie toscane, Alberto Corsinovi.

A un anno dal terremoto in Emilia-Romagna, le Misericordie d'Italia si incontreranno al Parco Enzo Ferrari di Modena da venerdì a domenica prossimi per il Meeting nazionale. Nei tre giorni si svolgerà l'Assemblea nazionale delle Misericordie, in cui si voterà per l'elezione degli organi e del presidente della Confederazione, ma ci sarà spazio anche per esercitazioni, convegni, forum tecnici, eventi, presentazioni di libri, spettacoli, momenti di festa.

Ammirazione, gratitudine e impegno ad onorare l’appello del Presidente della Repubblica a fare il proprio dovere. Sono i sentimenti espressi dal Presidente nazionale delle Misericordie d’Italia, Roberto Trucchi, all’indomani della conferma di Giorgio Napolitano al Quirinale, a nome di uno dei maggiori movimenti di volontariato italiani, con 800 mila iscritti e 150 mila volontari attivi.

La Toscana sia laboratorio nazionale per il welfare di domani. E il volontariato interlocutore primario di questo processo. E’ quanto emerso dall’incontro «Il futuro del volontariato per un nuovo welfare in tempi di crisi» organizzato da Pubbliche Assistenze e Misericordie toscane come momento d’incontro con i parlamentari neo eletti. L’obiettivo: costruire un nuovo patto di coesione sociale in un difficile momento come quello attuale.

«Siamo emozionati e felici perché Papa Francesco, fin dal suo primo giorno sul soglio di Pietro, ha voluto far riferimento all'importanza della misericordia. Un invito non rivolto direttamente a noi, ma che riguarda certo tutti i cattolici e chiama in causa in particolare chi come noi nel nome della Misericordia ha scelto di impegnarsi per gli altri». E' la prima reazione del presidente nazionale delle Misericordie d'Italia, Roberto Trucchi, alle parole rivolte questa mattina ai confessori di Santa Maria Maggiore dal nuovo Papa.