Sant'Egidio

Ultimi contenuti per il percorso 'Sant'Egidio'

A Firenze, stasera, la prima «cena interreligiosa», organizzata dal comune di Firenze insieme alle comunità religiose e alle tradizioni spirituali presenti sul territorio fiorentino dalle 19 in poi, presso il Teatro Del Sale, per accogliere i più bisognosi. Sulla scia dell'entusiasmo suscitato da «Firenze comunità in cammino», la prima camminata con le comunità religiose a cui hanno partecipato oltre 2mila persone, è nata l'idea della prima «cena interreligiosa». 

«Le città hanno un'anima»: è la prospettiva di «Medì». Torna a Livorno, oggi e domani, alla Goldonetta, il meeting internazionale della Comunità di Sant'Egidio per lo sviluppo delle relazioni tra le città del Mediterraneo, promosso dalla Comunità di Sant'Egidio con il comune di Livorno e la collaborazione della diocesi di Livorno, il Mibact, il Cesvot e il patrocinio degli Ordini dei giornalisti e degli architetti.

«È ormai di urgenza improrogabile che i minori e tutte le persone presenti a bordo possano toccare terra nel più vicino porto sicuro e non restare ostaggio di dispute politiche alle quali, siamo certi converrà, il rispetto degli esseri umani e dei loro basilari diritti va sempre anteposto». Questo il messaggio contenuto nella lettera inviata oggi al presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, da oltre 50 organizzazioni e associazioni a diverso titolo impegnate per i diritti dei minori.

In occasione della Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani, cattolici e protestanti italiani rivolgono un appello al governo italiano «perché allarghi la quota dei beneficiari accolti nel nostro Paese e si faccia promotore di un ‘corridoio umanitario europeo', gestito dalla Ue e da una rete di Paesi volenterosi, prevedendo un adeguato sistema di sponsorship».

«La morte, in una sola giornata, di due senza dimora, a Roma e Milano, invita tutti a non restare indifferenti nel tentativo di evitare che l’ondata di freddo prevista – e il clima rigido che ci attende fino alla fine dell’inverno – provochi nuove vittime. Ognuno può intervenire, aiutando in diversi modi». Così la Comunità di Sant’Egidio lancia «un appello urgente per portare coperte, cappelli di lana, sacchi a pelo ed altri generi di conforto utili ad affrontare il gelo notturno o anche per aggiungersi ai volontari che già effettuano le loro visite itineranti ai senza dimora».