Sant'Egidio

Ultimi contenuti per il percorso 'Sant'Egidio'

«Gioia» per la presenza di Papa Francesco, il 20 settembre, all’incontro internazionale «Sete di pace», organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio, in collaborazione con le famiglie francescane e la diocesi di Assisi. È quanto esprime Marco Impagliazzo, presidente della Sant’Egidio, accogliendo la notizia della partecipazione del Papa. 

E’ stato un tempo di festa con Papa Francesco, quello vissuto da 21 rifugiati siriani, ospitati poco dopo mezzogiorno per pranzo a Casa Santa Marta. Dodici di loro avevano già incontrato il Pontefice, perché entrati in Italia con il volo che il 16 aprile ha riportato Papa Bergoglio a Roma dall’isola greca di Lesbo. Gli altri nove sono entrati in Italia, sempre grazie al corridoio umanitario organizzato dalla Comunità di sant’Egidio e sempre dal campo profughi di Lesbo, il 16 agosto.

Con le cinque famiglie di profughi siriani, tra i quali nove bambini e ragazzi, le tre persone che sperano di ricongiungersi ai loro cari e i loro accompagnatori, Papa Francesco ha pregato all’inizio del pranzo. 

Di fronte all'«emergenza caldo», la Comunità di Sant’Egidio rafforza i suoi interventi a favore degli anziani e rivolge un appello alle autorità affinché «intensifichino ulteriormente le iniziative a tutela degli anziani», ma anche a tutti gli italiani perché, durante il Giubileo della Misericordia, «mostrino un’attenzione particolare a chi è maggiormente isolato e in difficoltà, intervenendo personalmente con atti di solidarietà, che possono salvare una vita, e segnalando tempestivamente le situazioni di criticità».

Venerdì 4 e sabato 5 marzo torna a Livorno «Medì», la rassegna promossa dalla Comunità di Sant’Egidio per lo sviluppo delle relazioni tra le città del Mediterraneo. I lavori si svolgeranno al Teatro La Goldonetta, con inizio venerdì alle 16.30, con la prima tavola rotonda dedicata a prospettive e opportunità di cambiamento.