Taizé

Ultimi contenuti per il percorso 'Taizé'

«Possa la Comunità di Taizé mantenere sempre ardenti la testimonianza» che frère Roger «ha reso a Cristo risorto e l’appello che egli ha senza sosta rinnovato a ‘scegliere di amare’». È l’auspicio espresso da Papa Francesco a conclusione del messaggio inviato a frère Aloïs e a tutta la Comunità, in occasione del 75.mo anniversario della Comunità che ricorre domani 20 agosto, nel centenario della nascita (12 maggio 1915) del fondatore, frère Roger Schutz, e nel decimo anniversario della sua morte (16 agosto 2005).

Parla frère Alois, priore della Comunità: «Perché sia autentica e all’altezza dei tempi, la nostra risposta alle sfide nuove della nostra epoca deve essere profondamente ancorata nella fede della Chiesa». E ancora: «I giovani sembrano felici di venire. Molti ci fanno visita perché sono abitati da una reale sete spirituale». Quest’anno frère Roger, il fondatore, avrebbe avuto 100 anni e il 16 agosto sarà il 10° anniversario della sua morte

Il valore della libertà e il prezzo che essa è costata all'Europa per uscire dalla Guerra Fredda. È ciò che accomuna i vari messaggi inviati - come Papa Francesco - dai leader religiosi alle migliaia di ragazze e ragazzi che da oggi al 2 gennaio sono a Praga per il tradizionale incontro di preghiera di fine anno organizzato dalla Comunità di Taizé.

«Il Papa conta su di voi perché attraverso la vostra fede e la vostra testimonianza, lo spirito di pace e di riconciliazione del Vangelo si diffonda fra i vostri coetanei». Lo scrive Papa Francesco in un messaggio rivolto ai 30mila giovani di tutta l'Europa che arriveranno il 28 dicembre a Strasburgo per la 36ª tappa del «pellegrinaggio di fiducia» animato dalla comunità di Taizé.

Sabato 29 dicembre Papa Benedetto XVI ha presieduto, sul sagrato della Basilica Vaticana, un momento di preghiera con i pellegrini giunti a Roma per il 35° incontro europeo dei giovani convocato dalla Comunità di Taizé.