Bambini

Ultimi contenuti per il percorso 'Bambini'

Dopo quello aperto a Obolon, è stato inaugurato a Stepashky, nel distretto di Vinnytsia, a circa 300 km a sud-ovest di Kiev, il secondo Punto Aibi in Ucraina. Realizzato con la collaborazione dei cittadini locali e dei ragazzi delle scuole, offrirà ai bambini e alle famiglie della zona un luogo sicuro, libero dalle macerie belliche e raggiungibile con un percorso sminato, in cui trovare la proposta di tante attività ludico-ricreative e il sostegno di professionisti per superare la sindrome da stress post traumatico. 

Ventisette bambini e ragazzi ucraini, in fuga dalla guerra, dai 7 ai 14 anni, saranno ospiti per due mesi (a partire da questi giorni) nei centri estivi organizzati dall'istituto religioso "Madonnina del Grappa", presso la sede di via delle Panche (Firenze), grazie al contributo della Fondazione CR Firenze e il Comune di Firenze e delle organizzazioni e chiese cristiane evangeliche.

“Sono passati 100 giorni dall’inizio del conflitto e i numeri della tragedia Ucraina aumentano di giorno in giorno. Un milione e mezzo di bambini e bambine rischiano una grave crisi alimentare e 6 milioni di bambini non hanno più un tetto dove dormire. È inaccettabile”. Lo ha dichiarato Andrea Iacomini, portavoce di Unicef Italia. 

“Il piccolo Tommaso è entrato nella Città Santa, patria della beatitudine eterna, e ci guarda: da ‘lassù’, i suoi occhi splendenti di gloria fissano i nostri occhi velati di lacrime”. Lo ha affermato l’arcivescovo dell’Aquila, il card. Giuseppe Petrocchi, durante i funerali del bambino morto nella tragedia dell’asilo dove un’auto è piombata nel cortile ferendo anche altri compagni

“È giusto stare attenti ma non c’è motivo di allarmarsi. In Italia il numero di casi di epatite acuta nei bambini è rimasto per ora invariato rispetto agli anni precedenti”. Lo dice in un’intervista al Sir Alberto Villani, direttore del Dipartimento di emergenza, accettazione e pediatria generale dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, secondo il quale le epatiti di origine sconosciuta non sono una novità.