Bambini

Ultimi contenuti per il percorso 'Bambini'

Prosegue con il secondo appuntamento la rassegna di teatro per bambini "Acchiappa Fantasmi a Follonica": due attori  accompagneranno i bambini alla ricerca dei fantasmi benevoli che occupano gli edifici della cultura cittadina, raccontandone la storia in forma di spettacolo. 

La risposta di Oxfam Italia alla pandemia: circa 7.000 persone raggiunte da marzo attraverso il sostegno diretto alle scuole, famiglie a rischio povertà, comunità straniere e strutture sanitarie. In partenza nelle periferie di Firenze, Prato, Empoli e Campi Bisenzio attività educative e ludiche, completamente gratuite, per centinaia di ragazzi delle famiglie più in difficoltà

Inizia il 6 luglio il campo estivo organizzato dalla Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Empoli “Estate in Mise”, destinato ad un numero massimo di venti bambini e ragazzi tra i 9 e i 14 anni: un’occasione unica per trascorrere tre settimane all’insegna del divertimento e delle attività didattiche nel rispetto delle disposizioni governative di contrasto e prevenzione della diffusione del Covid-19

Pur nella complessità del momento, la Chiesa di Grosseto non si tira da parte rispetto al desiderio e al compito di essere tra la gente e vicina ad essa. A partire dai più piccoli. E’ per questo che neppure quest’anno si rinuncia a proporre i GrEst, ovvero spazi di incontro, aggregazione e crescita per i bambini e i preadolescenti. Sono quattro, quest’anno, le Parrocchie che sono riuscite a strutturarsi per offrire questo servizio: Addolorata, Cottolengo, Santa Lucia e Roselle.

Sono iniziati gli oratori estivi nella Diocesi di Prato. Tredici le parrocchie coinvolte e oltre seicento i partecipanti con una età compresa tra i 6 e i 13 anni. «Siamo felici di poter riprendere le nostre grandi attività educative, saluto tutti i ragazzi che parteciperanno alle attività e ringrazio la buona volontà di parroci e animatori che hanno scelto di proporre questo servizio anche in un momento così difficile come quello che stiamo vivendo», dice il vescovo Giovanni Nerbini.