Vita

Ultimi contenuti per il percorso 'Vita'

A 40 anni dall'entrata in vigore in Italia della legge 194, una lettrice chiede se ci possono essere eccezioni alla condanna dell'aborto da parte della chiesa. Risponde padre Maurizio Faggioni, docente di Teologia morale alla Facoltà Teologica dell'Italia Centrale.

La presidente del Movimento per la vita italiano (Mpv), Marina Casini Bandini denuncia le omissioni sulle garanzie dei diritti del concepito contenute nella Relazione annuale sullo stato di attuazione della legge 40/2004 in materia di procreazione medicalmente assistita (Pma), presentata dal ministro.

«La vita umana fragile e malata, la vita ferita, offesa, avvilita, emarginata, scartata. È sempre vita umana», esordisce Papa Francesco ricevendo questa mattina in udienza i partecipanti alla XXIV assemblea generale della Pontificia Accademia per la Vita (Pav), sul tema «Equal beginnings. But then? A global responsibility», che ha luogo in Vaticano, nell'Aula Nuova del Sinodo, da oggi al 27 giugno.

«La Chiesa è per la vita, e la sua preoccupazione è che nulla sia contro la vita nella realtà di una esistenza concreta, per quanto debole o priva di difese, per quanto non sviluppata o poco avanzata». A ricordarlo è stato il Papa, nell'udienza concessa oggi, nella Sala dei Papi del palazzo apostolico, alla Federazione internazionale delle associazioni dei medici cattolici (Fiamc), in occasione del primo congresso che si terrà a Zagabria dal 30 maggio al 2 giugno sul tema: «Santità della vita e professione medica. Dall'Humanae vitae alla Laudato sì».

Migliaia di persone hanno sfilato, oggi pomeriggio, a Roma, partecipando alla Marcia per la vita. Ad aprire il corteo tanti bambini, alcuni con sindrome di Down, con i loro palloncini. In cammino, poi gli adulti con cartelli e slogan. È l’ottava edizione dell’iniziativa che ha attraversato il centro città, da piazza della Repubblica fino a piazza Venezia, per chiedere «la difesa della vita umana, dall’origine al termine naturale», e schierandosi contro la legge 194 sulle interruzioni di gravidanza, di cui quest’anno ricorre il 40° anniversario.

A 40 anni dall’approvazione della legge 194 (22 maggio 1978) con la quale veniva legalizzato l’aborto in Italia, il Movimento per la Vita ricorda questo evento con un’iniziativa volta a far conoscere il grande impegno dei Centri di Aiuto alla Vita, 60 sparsi in tutta Italia, che in questi ultimi 40 anni hanno salvato quasi 200.000 bambini, accogliendo ed accompagnando le loro mamme nel momento di una difficile, e spesso molto sofferta, decisione.