Cooperazione

Ultimi contenuti per il percorso 'Cooperazione'

La Regione Toscana mette a disposizione la sua esperienza in materia di sanità per la crescita dell'organizzazione sanitaria nei Paesi dell'area balcanica. E' questa la finalità di un un percorso di cooperazione internazionale che vede protagonista il sistema regionale del diritto alla salute in Albania, ma anche in altri Paesi dell'area come Bosnia-Erzegovina, Kosovo, Macedonia, Montenegro.

Si terrà venerdì 13, proprio all’indomani dell’inaugurazione del Mondiale di Calcio, un incontro presso la sede del Progetto Agata Smeralda per parlare di Brasile. Del vero Brasile, o almeno  non solo di quello colorato e festoso che le televisioni ci stanno mostrando in questi giorni.

«Spesso gli zingari si trovano ai margini della società, e a volte sono visti con ostilità e sospetto», oltreché «scarsamente coinvolti nelle dinamiche politiche, economiche e sociali del territorio». È l’analisi del Papa, nel discorso rivolto oggi ai partecipanti al convegno sul tema «La Chiesa e gli zingari: annunciare il Vangelo nelle periferie», promosso dal Pontificio Consiglio per la pastorale dei migranti e degli itineranti.

La voce di Barbara Casini, raffinata interprete di musica brasiliana d’autore, accompagnata dal giovanissimo pianista Alessandro Lanzoni, «Top Jazz 2013» quale miglior nuovo talento; gli strumentisti del Maggio Musicale Fiorentino Anna Pegoretti (violoncello), Alessia Sordini (flauto) e Andrea Pani (viola), riuniti sotto il nome di GaiaEnsemble con Roberto Anedda (violino), e lo straordinario ed eclettico fisarmonicista Ivano Battiston, sono i protagonisti della serata che mercoledì 4 giugno, alle ore 21, l’Auditorium di Santa Apollonia a Firenze ospiterà come evento dedicato alla Giornata mondiale dell’ambiente.

Nei soli primi 5 mesi del 2014 la Fondazione Banco Farmaceutico onlus ha inviato nelle zone “calde” del pianeta oltre 250mila medicinali raccolti grazie alla collaborazione con la rete delle farmacie italiane, soprattutto in occasione delle Giornate di raccolta del farmaco e alla donazione di farmaci da parte delle aziende farmaceutiche.

L’inaugurazione del progetto realizzato grazie alla Fondazione Giovanni Paolo II a Baghdad: a pianterreno c’è un campo di calcetto separato con una rete dal bar e da alcuni locali attrezzati con biliardo e tavoli da tennis. Al piano superiore due belle palestre.

Tremila persone, di cui la metà bambini, potranno usufruire di servizi sanitari e di assistenza psico-sociale; almeno mille famiglie saranno aiutate a riprendere le attività economiche; sarà costruito e avviato un centro polivalente per l'infanzia; in tutto saranno circa 6mila le persone aiutate in modo diretto e circa 8 mila le famiglie che potranno avere benefici indiretti.