Criminalità organizzata

Ultimi contenuti per il percorso 'Criminalità organizzata'

Arresti e perquisizioni questa mattina per smantellare un'associazione criminale che agevolava la camorra svolgendo i suoi affari a Firenze, e i cui componenti si riunivano in una pizzeria della città, acquistata subito dopo l'inizio della pandemia e poi finita al centro di una guerra tra clan culminata con l'esplosione di una bomba carta davanti al locale il 23 febbraio del 2021.

Il cardinale Augusto Paolo Lojudice, arcivescovo di Siena- Colle di Val D’Elsa-Montalcino, ha visitato la tenuta senese di Suvignano (Monteroni d'Arbia),  confiscata nel 2007 ad un imprenditore palermitano vicino a Provenzano e dal 2019 affidata in gestione alla Regione Toscana attraverso Ente Terre regionali toscane con l'ausilio soprattutto dell’associazione Libera (Toscana), fondata da Don Luigi Ciotti. 

Un'articolata operazione dei carabinieri e della Dda di Firenze con 23 arresti ha stroncato in Toscana più attività criminali riconducibili alla 'Ndrangheta infltratasi nell'intera regione, dal traffico di cocaina, al controllo di lavori stradali, allo smaltimento illecito di rifiuti nelle concerie. In un filone dell'operazione sono stati eseguiti in Toscana, Calabria e Umbria sei arresti (uno in carcere e cinque ai domiciliari) per la gestione di rifiuti reflui e fanghi industriali prodotti nel distretto conciario tra le province di Firenze e Pisa. 

Si è aperto il 13 gennaio il processo Rinascita-Scott contro alcune potenti cosche della ‘ndrangheta calabrese, il più grande degli ultimi decenni. Don Francesco Carlino, parroco nella Locride, parla dell’attesa della gente e dell’impegno nel contrasto alla malavita. La speranza in una Chiesa ancora più coraggiosa e l’idea di un Sinodo regionale per dare al fenomeno della ‘ndrangheta una risposta collettiva e culturale

“La sua azione contro la delinquenza mafiosa fu tragicamente interrotta ma le sue intuizioni sono rimaste nel patrimonio comune di quanti hanno continuato a combatterla”. Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ricorda il gen. Carlo Alberto Dalla Chiesa in occasione del 38° anniversario dell’uccisione avvenuta a Palermo per mano mafiosa.

Un anno cruciale per combattere le mafie. Così viene descritto il 2020 dalla fondazione Antonino Caponnetto che oggi traccia bilanci e linee future della lotta alla criminalità organizzata. In Toscana a preoccupare, oltre alle attività illecite dei gruppi mafiosi italiani, è l'avanzata della mafie straniere, specialmente di quella nigeriana.