Musei

Ultimi contenuti per il percorso 'Musei'

Il programma delle visite guidate a Firenze per il mese di novembre, riservate agli «Amici di Toscana Oggi»: Palazzo Pitti, Galleria dell'Accademia, il quartiere di Santa Croce, il museo di palazzo Vecchio, la Cappella Brancacci e la mostra a Palazzo Strozzi di Natalia Goncharova.

Domenica 13 ottobre, in occasione della F@Mu 2019 la Giornata delle Famiglie al Museo, a Firenze i Musei del Bargello offriranno a tutti l’ingresso gratuito. Per i Musei del Bargello si tratta di un’opportunità davvero gradita per coltivare e stringere ancor di più il fecondo rapporto di amicizia con i bambini e le famiglie, che potranno – insieme a tutti i visitatori – godere in piena libertà della bellezza e dell’arte custodita al Museo Nazionale del Bargello, a Palazzo Davanzati, alle Cappelle Medicee e a Casa Martelli.

«Quale futuro per l'Accademia dopo che il museo, con la sciagurata riforma del suo predecessore, ha perso autonomia gestionale?». Lo ha chiesto ieri il deputato fiorentino di Italia Viva, Gabriele Toccafondi, nel corso dell'audizione del ministro dei Beni culturali Dario Franceschini alla commissione Cultura della Camera. 

A Siena sabato 5 ottobre, dalle ore 10 alle ore 19, Banca Mps aprirà le porte della Sede storica in Piazza Salimbeni 3, per offrire l’opportunità ad appassionati, cittadini e turisti di visitare gratuitamente uno dei gioielli architettonici della città e una collezione culturale e artistica, che è elemento distintivo, all'interno del panorama bancario nazionale e non solo. Banca Monte dei Paschi di Siena aderisce alla XVIII edizione di Invito a Palazzo. Arte e storia nelle Banche e nelle Fondazioni di origine bancaria, la manifestazione annuale promossa dall’Abi-Associazione Bancaria Italiana, in collaborazione con Acri-Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, che mette in mostra, per un'intera giornata, opere d'arte e capolavori conservati nelle sedi storiche delle banche, delle fondazioni e delle casse di risparmio solitamente non accessibili al pubblico.

Al via da ieri le vendite della Card del Fiorentino, la speciale tessera che al prezzo di dieci euro consente ingressi illimitati e tre visite guidate (a cura di MUS.E, su prenotazione) nei Musei Civici Fiorentini a tutti i residenti dell'Area Metropolitana.

Continua l'iniziativa #IovadoalMuseo promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali con le giornate ad ingresso libero nei luoghi della Cultura statali, scelte direttamente da ciascun museo. Per i Musei nazionali di Lucca, Palazzo Mansi e Villa Guinigi, le prossime giornate ad ingresso gratuito saranno sabato 28 settembre e venerdì 4 ottobre, con i seguenti orari: al mattino unico ingresso alle ore 9.30 e orario continuato dalle 12 alle 19.30  (ultimo ingresso ore 19). 

Il museo, situato all'interno di Palazzo Pitti, nel quartiere dei Duchi Lorenesi, ospita un'ampia raccolta di pittura e scultura di epoca moderna. La visita guidata riguarderà in modo particolare le opere degli artisti appartenenti alla scuola dei Macchiaioli, anticipazione italiana degli impressionisti francesi. La maggior parte delle opere proviene dalla raccolta di Diego Martelli, critico d'arte e amico dei principali esponenti. 

Il museo di San Marco ha sede in un antico convento, che fu ricostruito in forme rinascimentali dall'architetto Michelozzo nel 1436 per conto di Cosimo il Vecchio de'Medici. Il museo conserva la più ampia collezione di opere del Beato Angelico, il Cenacolo di Domenico Ghirlandaio e molte altre opere realizzate nel corso del Rinascimento. ESAURITA

La mostra espone oltre cento oggetti che fino ad ora erano conservati nei magazzini del museo. Le opere illustrano sotto vari aspetti il rapporto che gli antichi Egizi avevano con l'aldilà. L'esposizione illustra il concetto egizio della vita dell'anima nell'aldilà e il significato degli oggetti che nell'antico Egitto venivano deposti nelle tombe insieme al defunto. Infatti, per loro la morte era solo un momento di passaggio verso un'altra forma di esistenza. Sono presenti pezzi di grande importanza, come il sarcofago di Padimut, riccamente decorato e una testa mummificata recentemente sottoposta ad indagini diagnostiche. ESAURITA