Diocesi di Firenze

Ultimi contenuti per il percorso 'Diocesi di Firenze'

Anche in diocesi di Firenze la Caritas registra un aumento stimato tra l’80% ed il 90% di “nuovi poveri”, persone che non si erano mai presentate ai servizi e che hanno bussato alle nostre porte alla ricerca di un sostegno alimentare o economico. Sono i dati del rapporto a cura dell’Osservatorio delle povertà e delle risorse

L'Arcivescovo di Firenze, card. Giuseppe Betori ha fatto visita stamattina all'Ospedale di Santa Maria Nuova per portare la sua benedizione agli ammalati, agli operatori sanitari e tutte le persone in servizio. L'Arcivescovo ha espresso vicinanza e sostegno ai degenti e ai loro familiari, e a quanti si prendono cura delle persone che soffrono. 

Non ci sarà, quest'anno, lo Scoppio del Carro, la più antica tradizione di Pasqua di Firenze. Ieri però, all'inizio della veglia pasquale, è stato acceso il fuoco santo con le pietre del santo sepolcro. Alle 9,30 la Messa durante la quale, al canto del Gloria, il cero pasquale acceso col fuoco sacro sarà portato dal cardinale Betori sul sagrato, a illuminare la città. La celebrazione su TvPrato e in diretta streaming (qui il link per la Messa del giorno)

Sarà trasmessa in diretta streaming (qui il link per la Veglia) stasera alle 23 la Veglia di Pasqua presieduta dal cardinale Giuseppe Betori nella cattedrale di Santa Maria del Fiore. Domani la Messa del giorno di Pasqua, (qui il link per la Messa del giorno) alle 9,30, che sarà trasmessa anche in televisione, su TvPrato (canale 74). I libretti da scaricare: Veglia Messa del giorno

Il Gruppo Illva Saronno, che ha riconvertito parte della sua produzione per realizzare gel disinfettante per mani, dona 100 mila bottigliette in formato tascabile alla Fondazione Banco Farmaceutico onlus. Insieme le distribuiranno a dieci enti assistenziali che, in tutta Italia, offrono cure e medicine alle persone povere. Tra questi anche la Caritas diocesana di Firenze a cui ne sono state destinate 16 mila

"Non ci sottraiamo come cittadini a disposizioni con cui si cerca di limitare l’espandersi del contagio virale"; allo stesso tempo però "vorremmo che fosse più valorizzata la sofferenza che abita in questi giorni il cuore dei credenti, ai quali è difficile comprendere come sia reso difficile, praticamente impossibile, l’accesso all’Eucaristia". Sono le parole del cardinale Betori nella Messa "in cooena Domini" nella cattedrale di Firenze.