Disabilità

Ultimi contenuti per il percorso 'Disabilità'

“Per me Francesco è la tenerezza di Dio. Dio ha un modo silenzioso di parlare, non è nel grande vento, non è nella tempesta, è nel venticello leggero. Francesco non parla, Francesco non ti ringrazia, però il suo guardarti, il suo stringerti per un secondo è la tenerezza di Dio che ti tocca, e questa è una cosa meravigliosa”. In un’intervista al Sir alla vigilia della Giornata mondiale per la sindrome di Down che ricorre domani, Luciano Russo parla di Francesco Maria, il suo bambino che la prossima settimana compirà sei anni.

“Noi esistiamo sempre, non solo il 21 marzo 2021: forse sarebbe meglio essere dimenticati per un giorno e ricordati invece tutti gli altri 364 giorni dell’anno”. È l’amara denuncia al centro della lettera aperta che le persone con sindrome di Down e dei loro familiari afferenti ad Anffas hanno inviato al ministro per le Disabilità, Erika Stefani, in occasione della Giornata mondiale sulla Sindrome di Down che si celebrerà il 21 marzo.

“La pandemia ha avuto un impatto pesante sul benessere psichico dei minorenni e tra questi, in particolare, quelli con disabilità. Per questo è necessario che l’Italia inserisca nel Recovery Plan misure di rafforzamento dei servizi di neuropsichiatria per bambini e ragazzi. Sempre nel Recovery Plan dovrebbero trovare posto anche gli stanziamenti per realizzare in maniera omogenea nella penisola spazi per il gioco e lo sport inclusivi per minorenni con disabilità, realizzando tra l’altro una proposta già formulata dall’Autorità garante”. Carla Garlatti, garante nazionale per l’infanzia e l’adolescenza, riassume così le richieste al Governo per i minorenni presentate in un incontro con il ministro per le disabilità Erika Stefani.

Nel 2019, il 26,1% degli adulti europei con disabilità (limitazione dell’attività) viveva in famiglie che riferivano di avere difficoltà a sbarcare il lunario (cioè le cui risorse finanziarie non coprivano le spese abituali necessarie), rispetto al 16,0% tra la popolazione adulta senza disabilità. Lo attesta oggi Eurostat, riferendo i risultati di un’indagine statistica.