Banche

Ultimi contenuti per il percorso 'Banche'

Il presidente di Federcasse (379 Bcc e casse rurali), Alessandro Azzi, conferma la vocazione ad essere «banche di persone» e «banche di comunità». E ancora: «Il nostro principio basilare è che la volontà dei soci sia assicurata con il voto capitario».

Si intitola «Una civile ricchezza» l'appello lanciato oggi sulla prima pagina di «Avvenire», a cura di una nutrita schiera di presidenti e responsabili di associazioni e movimenti cattolici, in favore del mantenimento della forma delle banche popolari a voto capitario. Destinatario dell'appello è il Governo, che si appresta a discutere e decidere in merito al decreto che obbligherebbe le principali banche popolari a voto capitario a tramutarsi, oltre una certa soglia dimensionale, in società per azioni perdendo totalmente la propria natura mutualistica.

Dopo l’Unità, lo Stato liberale si disinteressa delle banche. Trattano merce come le altre, il denaro. Col finire del secolo le cose cambiano. Le banche non son più aziende qualsiasi, meritano la sorveglianza dello Stato, talvolta la sua ingerenza. Chi volesse narrare la storia del rapporto fra banca istituzionale laica e banca cattolica, dovrebbe usare una categoria concettuale prendendola a prestito dagli psicologi: l’antipatia.

Questo sabato saranno premiati gli studenti che hanno ottenuto il massimo dei voti nelle scuole medie, quelli che hanno raggiunto i 100/100 negli esami di maturità ed i Soci o figli dei Soci della Banca che hanno conseguito il diploma di laurea con 110/110 o 110/110 e lode. Interviene il sottosegretario del Ministero Gabriele Toccafondi

In un suo articolo di qualche tempo fa l’economista Giacomo Vaciago ebbe a ricordarci che era giunta l’ora di pensare alle buone ragioni della Cancelliera Merkel. Era il tempo del governo Monti, quando infuriava nel nostro paese il neo-germanesimo bocconiano. Venne poi il governo Letta e, dopo, il governo Renzi: il neo-germanesimo è stato messo in discussione per far posto a un atteggiamento di politica economica orientato verso la crescita.