Crisi

Ultimi contenuti per il percorso 'Crisi'

“Il 2020 è stato un anno terribile per le nostre imprese, che hanno perso mediamente il 40% del loro fatturato, con punte che in alcuni casi hanno superato l’80%, per quei settori come la ristorazione, l’alberghiero, il turismo e l’artigianato artistico, che sono stati tra i più colpiti dalla pandemia”. È questo il bilancio tracciato da Luca Tonini, presidente di CNA Toscana, per le imprese artigiane e PMI toscane, che hanno vissuto un anno drammatico, a causa della crisi economica generata dal Covid-19. 

450mila euro arrivano da risorse della Chiesa pisana, altri 500mila li ha messi a disposizione la Fondazione Pisa a sostegno delle micro-imprese. Il fondo, gestito dalla Caritas, erogherà prestiti a nuclei familiari (fino a 3mila euro) e piccole aziende (massimo15mila euro) ma anche contributi a fondo perduto (non più di mille euro). Al via da lunedì 21 dicembre

Il volontariato non si è mai fermato, nemmeno nei momenti più duri della crisi sanitaria e sociale causata dall'epidemia da Covid-19: ha agito in continuità e ha reinventato il proprio ruolo, spesso in collaborazione con altri attori sociali. E' uno studio qualitativo approfondito quello che il Centro di Ricerca Maria Eletta Martini -fondato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, dalla Fondazione per la Coesione Sociale e dalla Scuola Sant'Anna di Pisa- pubblica in occasione della Giornata Internazionale del Volontariato del 5 dicembre. 

E’ la giornata mondiale degli ulivi proclamata dall’Unesco festeggiata il 26 novembre in tutto il mondo ed in Toscana dove da tutelare è un patrimonio di 15 milioni di piante, a rischio per la crisi provocata dalla chiusura di ristoranti e agriturismi dove le vendite si sono praticamente dimezzate e le fitopatie sono in agguato. E’ quanto afferma la Coldiretti Toscana, nel sottolineare il ruolo economico, ambientale, culturale e salutistico della produzione dell’olio di oliva, colonna della dieta mediterranea.

La chiusura di garden, ambulanti e negozi al dettaglio di fiori e piante mette a rischio in Toscana i circa 8 milioni di alberi di Natale veri e di Stelle di Natale che ogni anno trovano spazio nelle case in occasione delle feste, secondo una tradizione consolidata. E’ l’allarme lanciato dalla Coldiretti Toscana dopo che è scattato lo stop alle attività di vendita di piante, "a causa di una errata interpretazione del Dpcm del 3 novembre scorso, che al contrario ne garantisce la prosecuzione poiché sono considerate come completamento e sbocco della filiera agricola".

Nel secondo trimestre del 2020, c’erano 19,2 milioni di europei tra i 20 e 64 anni che avevano contratti a tempo determinato. Nel primo trimestre erano 21,5 milioni e nel terzo sono tornati a quota 22,2. Questi numeri indicano – dice Eurostat – che il calo del numero di contratti a tempo determinato è pari all’80,5% della diminuzione totale dell’occupazione per questa fascia di età. 

“Dinanzi all’ambizioso piano di investimenti proposto dal Governo con le risorse europee del Recovery Fund, ci auguriamo sinceramente che non resti un libro dei sogni, destinato prima ad alimentare la speranza e poi a registrare la delusione per una grande occasione mancata”. Così Domenico Delle Foglie, presidente del Movimento cristiano lavoratori, all’indomani della consegna del Recovery Plan alle Camere.

Convocare entro la prossima settimana il tavolo ministeriale sulla vertenza Bekaert. E’ questa la richiesta avanzata unitariamente dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, dal sindaco della Città Metropolitana di Firenze Dario Nardella e dalla sindaca di Figline-Incisa Valdarno Giulia Mugnai al ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli e alla sottosegretaria Alessia Morani.