Crisi

Ultimi contenuti per il percorso 'Crisi'

“Allarme per 800mila occupati nelle costruzioni che fanno segnare un crollo verticale di quasi il 68% su base annua dell’indice della produzione che apre un nuovo fronte per l’economia italiana nella fase 3 dell’emergenza coronavirus”. È quanto emerge da un’analisi dell’Unione europea delle cooperative (Uecoop) in riferimento ai dati diffusi oggi dall’Istat che, ad aprile 2020 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, per il mattone registrano il peggior risultato di sempre

Un gesto simbolico che vuole provocare un “rumore educativo”, e un “rumore costruttivo”. Con questa motivazione per la prima volta le scuole pubbliche paritarie annunciano un’astensione dalle attività scolastiche per il 19 e 20 maggio. È il grido d’allarme che gli oltre 300 superiori/e maggiori, in qualità di primi responsabili delle loro scuole, hanno lanciato al termine di una tavola rotonda organizzata dalle presidenze nazionali dell’Usmi e della Cism. Due ore di confronto sulla situazione delle tante scuole paritarie che non ce la fanno più a pagare gli stipendi dei docenti e del personale amministrativo.

«Chi sta mentendo a 220 padri di famiglia, l'azienda o il ministero?». è la domanda posta dal segretario della Fim-Cisl Toscana, Alessandro Beccastrini, all'uscita dall'incontro, organizzato nella sede di Confindustria Firenze, tra Bekaert e sindacati sulla procedura di mobilità aperta per i lavoratori dello stabilimento di Figline Valdarno. 

Occorre più creatività, e occorre un pensiero non ideologico che non porti a guardare i datori di lavoro come «padroni» cattivi e sfruttatori, e, dall’altra parte, che non guardi i lavoratori come pigri e fannulloni. L’innovazione, oggi, non è più una prerogativa degli imprenditori. Anche i lavoratori devono innovare, provare e osare di più.