Crisi

Ultimi contenuti per il percorso 'Crisi'

Mettere in piedi azioni comuni per creare misure a favore delle energie rinnovabili e della ripresa del settore. E' la volontà manifestata da Regione, organizzazioni sindacali e associazioni di categoria al termine dell'incontro che si è tenuto oggi tra gli assessori regionali Anna Rita Bramerini e Gianfranco Simoncini con i sindacati, Cna e Confindustria sulla crisi delle imprese nel settore delle rinnovabili in Toscana.

Quasi 4 milioni di euro per interventi di formazione continua, di cui 3 milioni e 500 mila espressamente destinati ad interventi per aiutare i lavoratori di aziende colpite dalla crisi a riqualificarsi per affrontare con strumenti più efficaci il mercato del lavoro. E' questo il nucleo centrale degli interventi decisi dalla giunta che ha approvato, su proposta dell'assessore alle attività produttive formazione e lavoro Gianfranco Simoncini, gli indirizzi per interventi di formazione continua finanziati dalla Regione.

Contrastare gli effetti della crisi economica attraverso lo scambio di esperienze e la creazioni di rapporti solidali tra reti e gruppi di famiglie greche e italiane. È in sintesi il piano di gemellaggi solidali che Caritas Italiana e Caritas Grecia (Hellas) stanno promuovendo in questi giorni ad Atene dove sono presenti alcuni delegati delle Caritas diocesane di Teggiano-Policastro, Foligno, Udine e Andria, che hanno subito aderito alla proposta

Ci sono tanti tipi di poveri e tanti modi per diventarlo. Il fenomeno stesso ha mutato pelle nel corso dei decenni. Prima dell’immigrazione di massa nel nostro paese i poveri urbani si trovavano sostanzialmente tra gli italiani ai margini del tessuto sociale per cause diverse, sostanzialmente riconducibili al disagio sociale (malattia mentale, handicap, disagio familiare, ecc.).

Sono 5.186.000 gli immigrati regolari residenti in Italia, il 7,4% della popolazione (dati 2012). Un aumento contenuto (+8,2%) soprattutto a causa della crisi economica, che ha visto un calo dei flussi in entrata per motivi di lavoro (da 90.483 nel 2011 a 52.328 nel 2012). Al contrario c'è stato un aumento dei flussi di ritorno (180 mila permessi scaduti e non rinnovati).