Crisi

Ultimi contenuti per il percorso 'Crisi'

Le «sfide», come gli esami, non finiscono mai. Ancora una volta si tratta di sfidare la crisi che da sette trimestri – 21 mesi! – colpisce l’economia. A lanciare l’ennesimo confronto è l’assessore regionale alle attività produttive Gianfranco Simoncini. Far ripartire le piccole e medie imprese toscane rilanciando il mercato interno, afferma, sostenere gli investimenti e con questi la propensione all’innovazione e la competitività, è questa la vera grande sfida con cui la Toscana deve cimentarsi, ora e nei prossimi mesi.

Nel 2012 il Pil ha segnato in Italia una diminuzione del 2,4% in termini reali, dovuta principalmente alla caduta della domanda interna. La domanda estera netta ha tenuto, fornendo un contributo positivo alla crescita dell'attività economica. Il potere d'acquisto delle famiglie italiane è diminuito del 4,8%. Lo rivela l'Istat nel «Rapporto annuale 2013 - La situazione del Paese», presentato questa mattina a Roma, presso la Camera dei deputati.

Alla rassegna «Terra futura», che si è chiusa ieri a Firenze, presentato dalla Caritas uno studio sull'impatto della crisi in cinque Paesi europei: Italia, Portogallo, Spagna, Grecia e Irlanda attraverso la voce dei territori.

Cinque milioni dalla Regione Toscana per sostenere iniziative di microcredito a favore di persone in situazioni di particolare difficoltà o fragilità socio-economica. La spesa, autorizzata lo scorso dicembre con la legge finanziaria regionale 2013, adesso può concretizzarsi. Questa mattina è stato infatti firmato un protocollo d'intesa fra Regione Toscana e quattro soggetti toscani del terzo settore (Anpas, Arci, Caritas, Misericordie) in base al quale potranno concretamente partire «iniziative di lotta alla povertà e di sostegno all'inclusione sociale».

«Le risorse messe a disposizione dal governo per gli ammortizzatori sociali in deroga, permettono di allentare la pressione sociale e di dare una prima risposta a molti lavoratori ma non sono sufficienti». Così l'assessore alle attività produttive lavoro formazione della Regione Toscana Gianfranco Simoncini, coordinatore per il settore lavoro della Conferenza delle Regioni, commenta l'emanazione del decreto per il finanziamento degli ammortizzatori in deroga da parte del consiglio dei ministri di oggi.

La crisi finanziaria mondiale rivela un'ideologia che riduce l'uomo alla sola esigenza del consumo. È necessario contrastare la tirannia dei mercati e capire che l'indebitamento e il credito allontanano i Paesi dalla loro economia reale ed i cittadini dal loro potere d'acquisto reale. A ciò si aggiunge, oltretutto, una corruzione tentacolare e un'evasione fiscale egoista che hanno assunto dimensioni mondiali. La volontà di potenza e di possesso è diventata senza limiti. Lo ha denunciato Papa Francesco nel discorso ai nuovi ambasciatori di Kyrgyzstan, Antigua e Barbuda, il Gran Ducato di Lussemburgo e il Botswana.

Il segretario della Cisl, da poco confermato alla guida del sindacato toscano, sottolinea in questa intervista la necessità per la nostra regione di attrarre nuovi investimenti. «Nel futuro vorrei una regione più leggera, con più sussidiarietà. Senza più province, meno burocratica dove ognuno si prenda la propria responsabilità».