Ecumenismo

Ultimi contenuti per il percorso 'Ecumenismo'

«La conferenza mondiale sul clima Cop24 costituisce per la Polonia, per la Slesia e per la città di Katowice un'importante sfida che per la Chiesa cattolica, così come per le altre Chiese ha soprattutto carattere pastorale», ha affermato mons. Wiktor Skworc nella lettera indirizzata ai fedeli in occasione del summit che si svolge dal 3 al 14 dicembre nella città polacca.

Il card. Koch, al termine della Divina liturgia nella chiesa patriarcale al Fanar (Istanbul) ha letto il messaggio che Papa Francesco ha inviato a Bartolomeo I nella festa dell'apostolo Andrea: «In un mondo ferito dal conflitto, - sottolinea il papa - l'unità dei cristiani è un segno di speranza che deve risplendere sempre più visibilmente». 

(dall'inviata a Milano) - «Ti chiediamo perdono per il modo in cui abbiamo abusato della terra sprecando le sue risorse, riducendone ampie zone a discarica e deserto». Le Chiese cristiane in Italia chiedono perdono per tutte le volte che gli uomini hanno abusato del Creato. Lo hanno fatto ieri sera nel corso di una commovente preghiera ecumenica che si è svolta a Milano nella basilica di S. Ambrogio, nell'ambito del convegno Cei sulla custodia del Creato. Una sentita invocazione di perdono intervallate dal canto del Kyrie eleison, intonato dal coro della Chiesa ortodossa russa.

«Nel nostro pellegrinaggio verso l'unità visibile, sperimentiamo una comune sofferenza, che viene dalla drammatica situazione dei nostri fratelli e sorelle in Medio Oriente, specialmente in Iraq e in Siria» . È quanto si legge nella dichiarazione comune firmata dal Papa e dal Catholikos Patriarca della Chiesa assira dell'Oriente, Mar Gewargis III, al termine dell'udienza di oggi.

«Condividiamo la grande sofferenza che deriva dalla tragica situazione che vivono tanti nostri fratelli e sorelle in Medio Oriente, vittime della violenza e spesso costretti a lasciare le terre dove vivono da sempre». Sono le parole rivolte oggi dal Papa al Catholikos-Patriarca della Chiesa Assira dell'Oriente, Mar Gewargis III, ricevuto oggi in udienza. 

A Firenze nasce la Parrocchia Personale ucraina sotto il titolo di "San Michele Arcangelo", patrono della comunità, con sede nella rettoria dei "Santi Simone e Giuda", via dei Lavatoi 3. L’Arcivescovo, card. Giuseppe Betori ha costituito con decreto la Parrocchia, prima nella storia della Chiesa Fiorentina, che sarà punto di riferimento per i fedeli ucraini cattolici di rito bizantino residenti nel territorio dell’Arcidiocesi.