Ecumenismo

Ultimi contenuti per il percorso 'Ecumenismo'

Per iniziativa della Comunità di Sant'Egidio da ieri pomeriggio e fino al 16 ottobre sono raccolti a Bologna, «nello Spirito di Assisi», centinaia di leader delle grandi religioni mondiali insieme a rappresentanti del mondo della cultura e delle istituzioni. Il messaggio di Papa Francesco e gli interventi di apertura di mons. Zuppi e Andrea Riccardi.

«Abbiamo il dovere di discernere e riconoscere la presenza dello Spirito Santo in queste comunità» cercando di costruire «legami di autentica fraternità». Così Papa Francesco, ricevendo questa mattina in udienza i partecipanti alla plenaria del Pontificio Consiglio per la promozione dell'unità dei cristiani accompagnati dal presidente, il card. Kurt Koch.

«Sono popoli che hanno molto sofferto, e per questo il Signore li ha guardati con predilezione. Ne sono sicuro di questo». Così il Papa ha definito i tre Paesi Baltici - Lituania, Lettonia ed Estonia - che ha visitato nei giorni scorsi. E al termine ha annunciato un messaggio ai cattolici di tutto il mondo e ha parlato del recente accordo tra Santa Sede e Cina.

Nel discorso di Papa Francesco nella cattedrale luterana a Tallinn, si intrecciano sfide che interpellano l’ecumenismo e le nuove generazioni. Dopo aver ascoltato i rappresentanti delle diverse confessioni cristiane presenti in Estonia e le testimonianze di alcuni giovani il Papa ha fatto «mea culpa» per come le Chiese non riescano a parlare al mondo giovanile e ha sottolineato come «dove c’è Gesù c’è sempre rinnovamento» e conversione.

Ricevendo leader ed esponenti delle Chiese cristiane nel mondo partecipanti alla «Conferenza mondiale su xenofobia, razzismo e nazionalismi populisti nel contesto delle migrazioni globali» ha lanciato un forte richiamo  alla politica che specula sulle paure del «diverso» e ha invitato i cristiani all’impegno contro il razzismo, per promuovere la «dignità di tutti gli uomini», perché nello straniero c’è il Signore.

Si è aperta stamani a Roma Roma la «Conferenza mondiale su xenofobia, razzismo e nazionalismi populisti nel contesto delle migrazioni globali» promossa per la prima volta insieme dal Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale e il World Council of Churches (Wcc), in collaborazione con il Pontificio Consiglio per l'unità dei cristiani. Gli interventi del rev. Olav Fykse Tveit (Wcc) e del card. Turkson.