Wcc

Ultimi contenuti per il percorso 'Wcc'

«Oggi viviamo in tempi difficili, che richiedono azioni coraggiose da parte nostra nel nome di Dio e per il bene di tutti gli esseri umani». A chiedere «un nuovo patto sociale» dei leader religiosi per la fraternità umana è stato Olav Fykse Tveit, segretario generale del Consiglio mondiale delle Chiese, nel suo intervento oggi alla Conferenza globale di Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, al quale prenderanno parte nel pomeriggio anche Papa Francesco e il Grande Imam di Al Azhar, Ahmad Al-Tayyeb.

È di 20 morti e 110 feriti il bilancio ufficiale dell’esplosione di due bombe avvenuta ieri durante la Messa della domenica celebrata nella cattedrale di Jolo, nel sud-est delle Filippine, in una zona considerata roccaforte dei militanti islamici. L’attentato, verificatosi pochi giorni dopo il referendum che concede maggior autonomia regionale alla minoranza dei musulmani, è stato rivendicato dall’Isis. Il cordoglio dei vescovi e del Segretario del Wcc.

Ricevendo leader ed esponenti delle Chiese cristiane nel mondo partecipanti alla «Conferenza mondiale su xenofobia, razzismo e nazionalismi populisti nel contesto delle migrazioni globali» ha lanciato un forte richiamo  alla politica che specula sulle paure del «diverso» e ha invitato i cristiani all’impegno contro il razzismo, per promuovere la «dignità di tutti gli uomini», perché nello straniero c’è il Signore.

Si è aperta stamani a Roma Roma la «Conferenza mondiale su xenofobia, razzismo e nazionalismi populisti nel contesto delle migrazioni globali» promossa per la prima volta insieme dal Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale e il World Council of Churches (Wcc), in collaborazione con il Pontificio Consiglio per l'unità dei cristiani. Gli interventi del rev. Olav Fykse Tveit (Wcc) e del card. Turkson.

Il Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e l’alleanza ecumenica Act, nell’ambito del Pellegrinaggio di Giustizia e Pace del Consiglio mondiale, sono stati in questi giorni con una loro delegazione in Nicaragua, con l’obiettivo di «accompagnare le Chiese del Paese centroamericano nel contesto attuale di dolore e ferite sofferte da parte di molte persone e nel mezzo degli sforzi per trovare soluzioni», come si legge nel Messaggio diffuso ieri e pervenuto al Sir.

«Se siamo qui è anche grazie a quanti ci hanno preceduto nel cammino, scegliendo la via del perdono e spendendosi per rispondere alla volontà del Signore: che tutti siano una sola cosa». Lo ha detto il Papa, durante l'incontro ecumenico (testo integrale), in occasione del 70° anniversario dell'istituzione del Consiglio ecumenico delle Chiese.

«Oggi siamo onorati che Sua Santità, Papa Francesco, abbia deciso di visitare il Consiglio ecumenico delle Chiese in questa occasione. Oggi stiamo superando una pietra miliare nel nostro viaggio. È un giorno per cui molte persone in tutto il mondo hanno pregato e che hanno desiderato». Si è aperto così il discorso pronunciato dal rev. Olav Fykse Tveit, segretario generale del Wcc, all'incontro ecumenico che si sta svolgendo a Ginevra alla presenza di Papa Francesco.